Home Agrofarmaci - Difesa

Agrofarmaci - Difesa

L'uso sostenibile dei prodotti per la difesa delle piante e le tecniche di distribuzione

rame in agricoltura

Rame, con il cambio di norme si userà “un tanto all’anno”

Il reg. 2018/1981 stabilisce che il tetto massimo di distribuzione del rame è di 28 kg/ha, calcolate su un periodo di sette anni (quindi con una media annua per ettaro di 4 kg) per consentire una flessibilità d’uso legata alle condizioni climatiche. Ma l'uso fitosanitario del rame è comunque sotto stretta osservazione e sarà sempre più limitato

Rogna dell’olivo, danni gravi soprattutto in vivaio

La lotta contro il batterio Pseudomonas syringae sp. savastanoi deve essere impostata essenzialmente in modo preventivo, soprattutto in vivaio dove occorre un attento controllo della sanità delle piante madri dalle quali prelevare le marze per l’esecuzione degli innesti.

Escoriosi della vite, ecco come gestirla

Difesa della vite, gli interventi chimici danno buoni risultati se effettuati all’inizio della fase vegetativa, prima delle piogge infettanti

Qualità e produttività nella coltivazione dei cereali

Mantenere le foglie sane, con i mezzi di difesa più evoluti, per massimizzare la capacità fotosintetica della pianta. L’innovazione nei campi del digitale e dell’agrochimica aiutano a raggiungere questo scopo. Amedeo Reyneri e Pierluigi Meriggi spiegano come nell’evento organizzato da Bayer a Bentivoglio (BO)

Corteva AgriScience punta su sostenibilità e trasparenza

A Berlino, nel corso della colorata kermesse di FruitLogistica 2019, il colosso nato dalla fusione tra Dow e Dupont illustra le sue strategie e la ricca pipeline di novità per la protezione sostenibile, in particolare quella per orticole e frutta. Dagli investimenti sull'agricoltura 4.0 la novità di Connext, piattaforma digitale per connettere la filiera

Olivo, la cecidomia torna all’attacco

Non solo mosca e gelate. Sugli oliveti del Nord si intensificano le segnalazioni dei danni procurati da un parassita un tempo considerato secondario e oggi non più: il dittero cecidomide Dasineura oleae attacca in particolare le giovani piante con la formazione di galle fogliari

La mosca orientale della frutta è arrivata

Il ritrovamento in Campania è la prima segnalazione della presenza di questo dittero nel territorio europeo ed è anche un successo dei piani di monitoraggio delle specie invasive più pericolose eseguiti sul territorio nazionale, proprio con lo scopo di intercettarne tempestivamente i primi focolai di infestazione

Finocchio, le gelate spianano la strada a funghi e batteri

È una tipica ortiva a maturazione scalare e resistente al freddo, ma con precisi limiti. Le condizioni prolungate di clima avverso aprono la strada a funghi e batteriosi

Drupacee, parte la caccia all’afidone corticicolo

Sulle piante spoglie, soprattutto di pesco, è più facile individuare le infestazioni e intervenire. Per effetto della revisione fitosanitaria tiram non potrà essere più utilizzato da aprile

E-Magazine

Tecniche, prodotti e servizi dalle aziende

  • Catalogo Bayern Genetik 2/2018
  • Catalogo Bayern Genetik, razza Fleckvieh

Rettangolo

Catalogo Aziende e Prodotti

Un modo semplice per cercare un'azienda o un prodotto!

L'esperto Pac risponde

Approfondimenti sulla politica agricola comune
a cura di Angelo Frascarelli
pac

L'Esperto risponde

I consigli di Terra e Vita agli agricoltori
esperto

Bottone #1

Rettangolo piede

AgriAffaires

Acquisto e vendita macchinari agricoli
AgriAffaires

kaki

Maculatura fogliare del kaki. Dal Giappone con furore

La segnalazione, le cause e le misure preventive per fare fronte a una malattia apparsa per la prima volta sugli impianti di kaki in forte diffusione al Nord

Trinciatura del frascame, sì ma con cautela

La potatura invernale è una buona occasione per ispezionare le piante, asportare i rami secchi o con alterazioni (corpi fruttiferi di funghi del legno, cancri, gommosi, gallerie di insetti, ecc.) ed eliminare il materiale di risulta. Ma la trinciatura può favorire la diffusione di funghi parassiti del legno
escoriosi della vite

La sanitazione invernale per la difesa della vite

Con i giusti accorgimenti la corretta potatura invernale assicura la fertilità e consente di ottimizzare la difesa fitosanitaria
cocciniglia asiatica su vite

Nuova cocciniglia per la vite: dopo la farinosa, ora l’asiatica

Prime segnalazioni nei vigneti emiliani e veneti di Pseucococcus comstocki, cocciniglia farinosa originaria dell’Asia Orientale (Cina, Corea e Giappone)

Castanicoltura, la crisi è finita

Il 2018 è stata un’annata favorevole per la castanicoltura, sia per la ripresa vegetativa delle piante che per la produzione. Questo grazie anche all’introduzione del parassitoide specifico Torymus sineisis, che ha ridotto la presenza del Cinipide del castagno

In Campania rinvenuta la Mosca orientale della frutta, scatta l’allarme fitosanitario

Il parassita, rinvenuto nelle province di Napoli e di Salerno, attacca le colture orticole e frutticole. Immediata la segnalazione alla Comunità Europea. Si tratta del primo ritrovamento in Italia ed in Europa

Osservatorio cimice asiatica, un approccio che funziona

Contrastare Halyomorpha halys in maniera efficace e sostenibile si può. È quanto emerso al convegno sulla cimice asiatica tenutosi nei giorni scorsi a Cherasco (Cn), con un focus speciale sul nocciolo. Luciana Tavella, del DISAFA dell'Università di Torino, fa il punto della situazione
irroratrici

Controllo e taratura irroratrici, scaduti anche gli ultimi termini

A fine novembre è scaduto anche l'"ultimatum" per le operatrici abbinate o schermate. Molte irroratrici però non sono ancora in regola. Un azzardo che può costare multe fino a 2mila euro e la sospensione dei contributi Pac
sostenibilità

Tre decenni sotto la bandiera della sostenibilità

L’Arptra organizza a Bari il 30° Forum di Medicina vegetale, un grande traguardo per un affollato evento diventato di richiamo nazionale. Nuove tendenze e tecnologie per coniugare protezione e ambiente

Il secondo Pan è in arrivo. Gli obiettivi e le strategie

Usi sostenibili degli agrofarmaci. Ecco come si sta facendo fronte alle criticità emerse nei primi cinque anni di applicazione del piano d'azione italiano, il più ambizioso a livello europeo
css.php