Settore per settore le novità della Pac 2017

Agricultural field. Arable land in the spring, ready for the sowing season.
Indicazioni per centrare la domanda, da fare entro il 15 maggio

Arriva il 2017. Tra gli elementi che l’agricoltore deve tener conto nella pianificazione del nuovo anno, un posto notoriamente importante è riservato alla Pac.

Da un certo punto di vista, il 2017 sarà un anno “tranquillo” sul fronte del sostegno della Pac rispetto agli ultimi due anni. Tuttavia, ci sono diverse novità che è utile visionare: la diminuzione del valore dei titoli, l’aumento del sostegno accoppiato, le nuove sanzioni per il greening, l’aumento della soglia minima.

In questo articolo saranno elencate le novità dei pagamenti diretti per il 2017 e le attenzioni per prepararsi alla domanda Pac che scadrà il 15 maggio 2017 (quest’anno non dovrebbe esserci la proroga al 15 giugno).

 

Pagamento di base: dal 58% al 57%

Il Decreto ministeriale n. 5602 del 11 ottobre 2016 ha modificato le percentuali del plafond dei pagamenti diretti (tab. 1), a partire dal 1° gennaio 2017; in particolare:

-  il pagamento accoppiato aumenta dall’11% al 12%;

-  il pagamento di base scende dal 58% al 57%.

Il sostegno accoppiato (art. 52, Reg. 1307/2013) per l’Italia passa da importo annuo di 423 per il 2016 a 456 milioni di euro per il 2017, con un aumento di 33 milioni di euro.

Per finanziare l’aumento dell’1% del pagamento accoppiato, il plafond del pagamento di base scende dal 58% al 57%. La conseguenza è il ricalcolo di tutti i titoli assegnati agli agricoltori, che diminuiranno dell’1%. Agea, pertanto, sarà costretta nel 2017 alla comunicazione del nuovo valore dei titoli a tutti gli agricoltori.

Anche il pagamento greening diminuisce dell’1%; infatti, il valore dell’importo individuale del greening è calcolato come percentuale del 50,12% del valore dei titoli attivati dall’agricoltore.

 

Mancato rispetto del greening

Il mancato rispetto del greening comporta l’applicazione di sanzioni amministrative che assumono la forma di una riduzione dell’importo del pagamento verde (art. 77, par. 6, Reg. 1306/2013).

Le sanzioni amministrative sono proporzionali e graduate in funzione della gravità, della portata, della durata e della ripetizione dei casi di inadempimento interessati.

Le sanzioni amministrative per il mancato rispetto del greening generano un riduzione dell’importo del pagamento verde, fino ad arrivare al 100% nel caso di maggiore gravità del mancato rispetto. Quindi l’agricoltore che non rispetta il greening perde solo tale pagamento. Ma questa norma vale sono per il 2015 e il 2016.

Leggi l'articolo completo su Terra e Vita 49-50/2016 L’Edicola di Terra e Vita

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome