Agabiti: «Sono necessarie azioni straordinarie sui rimborsi agli agricoltori»

rimborsi
Il Presidente di Asnacodi conferma che mancano 500 milioni nelle tasche degli agricoltori poiché non è stato pagato nulla per il 2015, 2016 e 2017 dei contributi assicurativi.

«Purtroppo la situazione dei rimborsi che gli agricoltori devono ancora avere non è esattamente quella illustrata nel comunicato del Ministero»  afferma il Presidente di Asnacodi, Albano Agabiti confermando quanto già scritto qualche giorno fa su Terra e Vita. «Mancano 500 milioni in realtà nelle tasche degli agricoltori poiché non è stato pagato nulla per il 2015, 2016 e 2017 dei contributi per zootecnia e strutture, esclusivamente a carico del bilancio nazionale, che ammontano a più di 39 milioni di euro. Inoltre mancano 208 milioni per il 2017 per le sole colture vegetali pagabili con i fondi UE rispetto ai 170 citati dal Ministero “per le polizze ad oggi pervenute”: ma le altre polizze non si riescono a mandare perché le più importanti realtà associative non sono riuscite ad inviarle per i problemi informatici e burocratici ancora non risolti. Quindi ai 227 milioni mancanti, secondo il Ministero, si devono aggiungere 30 milioni per il 2015 e 2016 di contributi UE, 39 di contributi nazionali sui tre anni e almeno 208 milioni per il 2017: il totale fa più di 500 milioni fino ad oggi».

«Ma c’è di più – continua il Presidente Agabiti – con la tempistica prevista dal Ministero, anche se fosse rispettata, si pagherebbero in media 28 milioni al mese: quest’anno continueremo quindi ad essere esposti con lo stesso mezzo miliardo. Sono necessarie azioni straordinarie che non sono state minimamente previste, e domani, 30 maggio, apriremo l’Assemblea di Asnacodi davanti al Ministero delle politiche agricole, al fine di sensibilizzare sulla reale dimensione del problema».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome