La peste suina africana comincia a far paura davvero

Il Ministro Centinaio , rispondendo al question time alla Camera, alza il livello di attenzione e istituisce un Tavolo tecnico per affrontare l'emergenza

Non si può scherzare con la Peste suina africana (Psa). Il ministro delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio, ha innalzato il livello di

Gian Marco Centinaio, ministro delle Politiche agricole

attenzione sull'emergenza legata alla Peste suina africana (Psa) e ha deciso l'istituzione di un tavolo tecnico insieme con i ministeri dell'Ambiente e della Salute per la gestione dell'emergenza.

Lo ha annunciato Centinaio rispondendo a un'interrogazione del deputato Guglielmo Golinelli (Lega) al question time alla Camera, aggiungendo che il tavolo tecnico valuterà, in accordo con le Regioni, possibili proposte di modifica alla Legge 157/92 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio).

Clicca qui per accedere al video dell'interrogazione parlamentare

Il ministro ha detto di ritenere «prioritario attuare adeguate ed efficaci campagne informative, per sensibilizzare tutti gli operatori e i cittadini sulla pericolosità di alcuni comportamenti che possono facilitare l'introduzione e la diffusione della Psa, oltre all'applicazione delle misure di biosicurezza negli allevamenti suini domestici e al rafforzamento delle attività di sorveglianza».

Rischio rilevante

La Peste Suina Africana, ha ricordato il ministro, rappresenta "uno dei maggiori rischi sanitari che minacciano il comparto suinicolo con conseguenze devastanti quanto a mortalità e morbilità" e per questo è stato alzato il livello di attenzione.
Le movimentazioni di suini allevati, di mezzi di trasporto di animali o di insaccati da parte di viaggiatori provenienti dai Paesi infetti, ha osservato Centinaio, "rappresentano il fattore di rischio più rilevante e probabile per l'introduzione del virus in Paesi indenni". Il ministero della Salute "ha disposto il rafforzamento della sorveglianza passiva, raccomandando di sottoporre a controllo per Peste suina africana ogni carcassa di cinghiale rinvenuta in natura e di aumentare le misure di biosicurezza negli allevamenti. Inoltre, sono stati disposti controlli non discriminatori sulle partite di animali e carni suine provenienti dai Paesi comunitari interessati dalla malattia.

Abbattimenti programmati

Centinaio si è poi detto d'accordo sull'opportunità di «poter ricorrere a eventuali 'abbattimenti programmati».
Il ministro ha fatto «presente che la gestione della fauna selvatica deve essere comunque condotta attraverso Piani di ampio respiro, da realizzare di concerto con i diversi livelli istituzionali e con il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome