Redditi agricoli sulle montagne russe

Lente ascese e precipitose discese: negli ultimi dieci anni a bienni o trienni di ripresa sono seguiti periodi di forti crolli della redditività della produzione primaria. È quanto emerge dall’analisi della rete RICA sui 28 paesi dell’Unione che mette in luce il ruolo imprescindibile dei pagamenti diretti, fonte di un terzo del reddito medio agricolo europeo

Dopo il forte calo dei redditi agricoli nel 2009 è seguita una fase di ripresa fino al 2012. Nel 2013 il reddito è diminuito del 5,8% tornando circa al livello del 2010. Il reddito agricolo ha iniziato a crescere ancora nel 2014. Questo trend positivo è continuato nel 2015.

Un trend movimentato

Sono alcuni dei risultati dell'analisi sull'economia delle aziende agricole che la Commissione europea ha realizzato su dati Rica (la rete di informazione contabile agricola) e che ha ora pubblicato.

Questo rapporto fornisce una panoramica dei principali sviluppi economici dell'agricoltura europea basati sui dati del 2015, l'ultimo disponibile nella rete di dati Contabilità agricola (RICA). Ove possibile, il rapporto fornisce alcune informazioni basate sul preliminare del 2016. Dall’osservatorio italiano possiamo dire che questo andamento altalenante, con lente ascese e precipitose discese, è proseguito fino ai nostri giorni.

La crescita del reddito è stata dovuta all’aumento del valore della produzione agricola, principalmente legato all'aumento della produzione agricola (+4% per azienda nell'UE-28), che ha compensato il calo della produzione zootecnica (-2% per azienda agricola nell'UE-28) dal 2014 al 2015.

Tra il 2014 e il 2015, un aumento di produzione superiore al 10% è stata riscontrata nelle aziende specializzate in orticoltura, vino e vino, colture permanenti, mentre le aziende agricole specializzate in colture da campo hanno mostrato un moderato aumento (+ 3%).

Aziende lattiero-casearie, aziende agricole specializzate in granivori (cioè suini e pollame) e allevamenti misti registrati una diminuzione della produzione (tra -2% e -8%) dal 2014 al 2015.

Lombardia in testa per il reddito agricolo per lavoratore

Nel 2015 il reddito annuo per unità di lavoro è rimasto stabile a 18.600 euro, invariato rispetto al 2014 ma manifesta una diversità notevole da regione a regione e in funzione del tipo di agricoltura praticato.

Le aziende agricole con il più alto reddito per unità di lavoro sono situate principalmente in Danimarca, nel nord Italia (Lombardia), nel nord della Francia (Champagne-Ardenne) e nella Germania nordoccidentale. In queste regioni, c'è un'alta percentuale di produzioni intensive di suini e pollame, orticoltura e caseificio. Il più basso reddito per lavoratore si registra nella regione di Jadranska Hrvatska in Croazia mentre solo due regioni ovvero Norte e Centro (Portogallo) e Sterea Ellas-Nissi Egaeou-Kriti (Grecia) hanno un valore di reddito annuo per lavoratore medio inferiore a 10.000 euro. Vi è una percentuale di quasi 30 volte tra il reddito più alto per addetto che si registra in Danimarca e il più basso che si ritrova a Jadranska Hrvatska).

I pagamenti diretti

prorogaI pagamenti diretti costituiti dagli aiuti alle aziende agricole hanno sempre un ruolo determinante nella formazione del reddito ed infatti nel 2015, essi hanno rappresentato in media il 30% del reddito.

Il livello più alto pari al 71% si è registrato in Slovenia, seguito da Finlandia con il 69%, Slovacchia col 62% ed Estonia con il 51%.

Per contro, i pagamenti diretti hanno rappresentato solo l'11% del reddito nei Paesi Bassi, che ha dimostrato che il paese è più concentrato sui settori altamente redditizi e meno sovvenzionati, come l'orticoltura e la produzione di suini e pollame.

Anche i pagamenti diretti fluttuano notevolmente a seconda del tipo di agricoltura ed infatti rappresentano una quota sostanziale pari al 42-50% in aziende agricole specializzate nel pascolo di bestiame, colture miste e colture da campo. Questo è dovuto alla dimensione media di queste aziende agricole e al fatto che sono state storicamente favorite dalla politica agricola comune (PAC). D'altra parte, i pagamenti diretti giocano solo un ruolo limitato nel sostenere il reddito nei settori del vino e dell'orticoltura.

Per le aziende lattiero-casearie, la quota dei pagamenti diretti è stata più elevata a partire dall’anno 2015 rispetto all'anno precedente a seguito della cessazione del regime delle quote di produzione.

I valori delle aziende

Il rapporto mette in evidenza le notevoli differenze nel valore medio dell'azienda agricola tra i diversi paesi dell'UE. Mentre le aziende agricole in Danimarca e nei Paesi Bassi sono valutate particolarmente bene, con una media di oltre 2,4 milioni di euro, le aziende bulgare e rumene sono valutate al contrario con una media inferiore a 100.000 euro.

Il valore medio delle aziende europee è a 338mila euro con l’Italia che si posiziona su un valore di 500mila euro occupando solo il dodicesimo posto nella graduatoria d tutti gli stati membri.

Ciò è dovuto principalmente a una combinazione del valore dei terreni agricoli nei diversi paesi e alla natura a più alta intensità di capitale dei settori agricoli di alcuni Stati membri. Nonostante ciò, ci sono state alcune evoluzioni positive per gli agricoltori bulgari, ad esempio, dove i valori delle risorse sono raddoppiati tra il 2007 e il 2015.


Identikit della rete Rica

La RICA è un'importante fonte informativa per comprendere l'impatto delle misure adottate nell'ambito della politica agricola comune sui diversi tipi di aziende agricole.

Derivato da indagini nazionali, la RICA è l'unica fonte di dati microeconomici basata su principi di contabilità armonizzati.

L'indagine non riguarda tutte le aziende agricole dell'Unione ma solo quelle che, a causa delle loro dimensioni, potrebbero essere considerate commerciali.

Attualmente, il campione annuale è composto da oltre 80.000 aziende. Rappresentano una popolazione di circa 5.000.000 aziende agricole nell'UE, che copre circa il 90% della superficie agricola totale utilizzata (SAU) e rappresentano circa il 90% della produzione agricola totale.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome