Attenzione all’utilizzo improprio dei marchi protetti

    Tutte le indicazioni nel DL 30 del 2005

    Domanda

    Da una ditta meridionale ho comperato, con regolare fattura, una certa quantità di grano senatore Cappelli con il quale ho prodotto farina con la quale, successivamente, ho fatto realizzare della pasta impacchettata con la dicitura di origine “pasta di grano senatore Cappelli”. Ora qualcuno mi riferisce che il marchio è protetto, esclusivo e non riproducibile… A questo proposito vorrei sapere se la vendita in confezione della pasta è lecita o meno e se ci sono irregolarità.

    Questo contenuto è riservato agli abbonati alle riviste Edagricole. Abbonati

    Sei abbonato a Terra e Vita o ad una delle altre riviste Edagricole e hai già effettuato l’accesso al sito?
    Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

    Sei abbonato ad una delle riviste Edagricole ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
    Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
    Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

    Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it