Ambiente e sociale, le sfide della nuova agricoltura

Pac
Massimiliano Giansanti
E' in corso a Susegana (Tv) il Global Food Forum, organizzato da Farm Europe con il sostegno di Confagricoltura, che si concluderà domani 21 ottobre. «Bisogna ridare agli agricoltori fiducia nelle istituzioni europee»

L'agricoltura non può più essere legata solo a logiche di quantità prodotta, ma deve essere legata strettamente al ruolo di tutela ambientale e alle implicazioni sociali che da sempre riveste. E tutto ciò deve essere comunicato ai cittadini europei.

«Oggi c'è troppa malainformazione e non viene compreso il vero ruolo dell'agricoltura e di conseguenza la necessità di una politica agricola europea».  Cosi Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura al Global Food Forum, organizzato da Farm Europe con il sostegno di Confagricoltura in corso oggi e domami a Susegana (Tv).

«Bisogna ridare fiducia agli agricoltori nelle istituzione europee - ha sottolineato Paolo De Castro -, perché solo con una logica europea si può andare avanti, mentre le logiche nazionali  sono destinate a fallire. Oggi il calo di fiducia e dovuto al fatto che l'Ue che abbiamo costruito li penalizza; è quindi il momento di cambiare paradigma!

Quando si parla di nuove politiche nella Ue si guarda all'agricoltura  come a una cassaforte dove andare a prendere risorse per finanziare altre politiche».

Anche l'ex commissario Dacian Ciolos ha messo l'accento sull'importanza di un cambio di passo fino ad arrivare «a creare una sola Dg (direzione generale) che unisca i tre ambiti: agricoltura, ambiente e sociale» nella Ue che nascerà il prossimo anno dopo le elezioni europee.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome