Bonus fiscale del 36% per sistemare parchi e giardini

bonus fiscale
Lo prevede la legge di Stabilità approvata ieri in Consiglio dei ministri.

Via libera dal Consiglio dei ministri al 'bonus verde' che prevede la detrazione del 36% per la 'sistemazione a verde' di aree scoperte di pertinenza delle unità immobiliari private di qualsiasi genere (terrazzi, giardini, anche condominiali), anche mediante impianti di irrigazione, nonchè a lavori di recupero del verde di giardini di interesse storico. Lo prevede la legge di Stabilità approvata il 16 ottobre in Consiglio dei ministri.

«Con il bonus è stato premiato il nostro impegno verso un comparto produttivo del Paese come quello florovivaistico che genera un fatturato di 2,5 miliardi di euro, conta 30mila aziende e dà lavoro a 180mila addetti» ha commentato Maurizio Bernardo, presidente della Commissione Finanze della Camera.

«Una vittoria del comparto, dopo quasi tre anni di lavoro intenso di sensibilizzazione, promozione, cultura e networking, ma anche dei cittadini tutti che beneficeranno delle ricadute positive dell’incremento del verde sulla salute, sull’ambiente e sulla qualità della vita» secondo il Coordinamento nazionale filiera del Florovivaismo e del paesaggio.

Gli fa eco Francesco Mati, presidente del Distretto Vivaistico di Pistoia e presidente della Federazione di prodotto florovivaistico di Confagricoltura Toscana e nazionale «Ci troviamo davanti a quella che possiamo considerare senza mezzi termini il più importante provvedimento mai fatto prima per il vivaismo. Un incentivo che riuscirà a rilanciare come mai avvenuto in passato il nostro settore con ricadute incalcolabili per l'intera economia toscana e nazionale. Un risultato che arriva dopo anni di lavoro e che premia l'intervento fondamentale del Distretto vivaistico ornamentale di Pistoia, protagonista a livello nazionale, insieme all'Organizzazione degli imprenditori agricoli, che ha supportato la Federazione nazionale di prodotto florovivaistico di Confagricoltura».

«Una manovra con elementi di sviluppo e innovazione, a partire dalle novità del “bonus verde”, che incentiva il florovivaismo riconoscendo il ruolo fondamentale del green nel mitigare gli effetti dello smog e migliorare la vivibilità dentro le mura cittadine. Una novità sostanziale che porta con sé nuovi posti di lavoro» è il commento di Agrinsieme, il coordinamento, che riunisce Cia, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative agroalimentari.

E per la Coldiretti si tratta «di una misura importante per favorire la diffusione di parchi e giardini in città capaci di catturare le polveri e di ridurre il livello di inquinamento. Una pianta adulta - sottolinea la Coldiretti - è capace di catturare dall’aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili, un ettaro di piante elimina circa 20 chili di polveri e smog in un anno. Il verde urbano in Italia pero’ rappresenta appena il 2,7% del territorio dei capoluoghi di provincia (oltre 567 milioni di metri quadrati) sulla base dell’ultimo rilevamento Istat. La situazione è più difficile nelle metropoli che hanno una disponibilità di spazi verdi che va dagli appena 15,9 metri quadrati di verde urbano per abitante a Roma ai 17,2 di Milano fino a 21 di Torino.  Si utilizza finalmente la leva fiscale per riconoscere i benefici che derivano alla collettività dalla cura e dagli investimenti privati nel verde, ma si tratta anche di un importante sostegno al settore florovivaistico Made in Italy».

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome