Centinaio chiede il via libera per gli anticipi Pac e Psr

Bruxelles vede il climate change solo quando colpisce il Nord Europa e attiva la possibilità di anticipare fino al 70% per i pagamenti diretti e almeno fino all’85% per il sostegno dei Psr a causa dei danni della siccità. Il ministro Centinaio fa buon viso a cattivo gioco e chiede che anche l’Italia possa accedere alle stesse facilitazioni per i danni procurati dal clima nel 2017

Lo avevamo scritto qui e la notizia aveva sollevato parecchie critiche e arrabbiature da parte dei nostri lettori. Per il nostro Paese l’annus horribilis per la siccità è stato il 2017, in Centro e Nord Europa è stato invece questo 2018 a lasciare il segno, con record di temperature e carenza di precipitazioni, mentre sotto le Alpi la primavera e l’inizio dell’estate sono state caratterizzate da piogge e temporali sparsi.

L’occhio di riguardo di Bruxelles per le agricolture continentali

Eppure la Commissione Ue sembra preoccuparsi degli effetti del climate change solo quando colpiscono le agricolture dei Paesi forti dell’Europa continentale, concedendo, con un occhio di riguardo, l’anticipo dei contributi pac e dei cofinaziamenti dei Psr.

Poco male, si potrebbe dire, perchè il dicastero guidato da Gian Marco Centinaio ha deciso di fare buon viso a cattivo gioco, accedendo alle facilitazioni concesse da Bruxelles facendo leva proprio su quanto è successo l’anno scorso.

Il Mipaaft fa buon viso a cattivo gioco

Gian Marco Centinaio

Una nota diramata oggi dal Ministero delle politiche agricole alimentari forestali e del turismo afferma infatti che: «a contrasto dell’emergenza siccità che ha colpito l’Italia nel secondo semestre 2017 e nel primo 2018, è stato chiesto il via libera alla Commissione europea per autorizzare l’erogazione degli anticipi dei fondi Ue della politica comune, a favore delle imprese agricole che operano nelle aree rurali più colpite».

In particolare la misura prevede l’anticipo fino al 70% per i pagamenti diretti e almeno fino all’85% per il sostegno concesso nell’ambito dello sviluppo rurale.

La coda velenosa del 2017

«In base – continua la nota ministeriale - al rapporto di monitoraggio sui fenomeni siccitosi in Italia, presentato dal Crea lo scorso 10 agosto, è emersa, infatti, nel semestre agosto 2017-gennaio 2018,  una situazione di generale criticità a livello nazionale in quasi tutte le Province italiane, a causa delle temperature particolarmente elevate e assenza di precipitazioni. Situazione che si è andata a consolidare negativamente nel mese di luglio e nella prima decade di agosto, anche a causa di eventi isolati ma particolarmente impattanti».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome