Esondazione del Reno, danni per 6 milioni di euro

Confagricoltura Bologna valuta in questa cifra i danni nei campi, ma sono ancora da calcolare quelli su edifici, scorte e macchinari sommersi dall’acqua. Richieste misure specifiche per le aziende danneggiate: esonero fiscale e azzeramento dei contributi previdenziali e consortili 

La conta dei danni è ancora in corso, con sopralluoghi e indagini nei campi flagellati dall’esondazione del Reno del weekend del 2 e 3 febbraio, all’interno di capannoni ed edifici investiti dall’”onda funesta”.

I numeri del disastro

Secondo una nota di Confagricoltura Bologna nel territorio tra i comuni di Castel Maggiore e Argelato sono circa 500 gli ettari - in località Boschetto dove si è rotto l’argine -, che hanno subito i danni maggiori in termini di ripristino della rete viaria e di scolo. Il tutto quantificabile in 2.000 euro a ettaro, ai quali bisogna aggiungere complessivamente un milione di euro per la mancata produzione 2019. Su altri 2.000 ettari circa, nell’area circostante, si può stimare una perdita di PLV fino a 4 milioni di euro. Inoltre, sono stati sommersi dall’acqua capannoni, fabbricati e case, incluse scorte e macchinari, ma il danno seppur ingente non è ancora quantificabile.

Garagnani: «Risarcire i danni»

Il monito del presidente di Confagricoltura Bologna, Guglielmo Garagnani, suona

Guglielmo Garagnani

perentorio: «Fare in fretta ad accertare le responsabilità e risarcire il danno alle imprese». Non solo. «Chiediamo anche – spiega nel dettaglio - misure specifiche per le aziende danneggiate ossia l’esonero fiscale e l’azzeramento dei contributi previdenziali e consortili. Significa: estendere l’esonero IMU, ora previsto solo per CD (coltivatori diretti) e IAP (imprenditore agricolo professionale), a tutti i proprietari di terreno e ai fabbricati; azzeramento contributi previdenziali dei lavoratori autonomi e datori di lavoro e dei contributi consortili dovuti per lo scolo e per il beneficio di disponibilità irrigua».

Confagricoltura riserva un plauso al Prefetto Patrizia Impresa per aver attivato subito le azioni anti-sciacallaggio e alla Protezione civile dell’Emilia-Romagna che è intervenuta con tempestività; ai tecnici del Consorzio della Bonifica Renana e del Canale emiliano romagnolo. «Bisogna sottolineare, infatti, che grazie al Cer si è reso possibile il deflusso delle acque», conclude il presidente di Confagricoltura Bologna.

La piena del fiume Reno alle porte di Bologna

 

La rimozione dei detriti

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome