Fatturazione elettronica, nove aziende agricole su dieci non sono pronte

Lodovico Giustiniani (Confagricoltura Veneto): «Il settore non è pronto per l'obbligo di fatturazione elettronica per l'acquisto dei carburanti che scatta a inizio luglio»

La digitalizzazione del settore primario segna il passo. Rispetto alle attività economiche che si compiono nelle grandi città l'agricoltura accusa infatti il peso di ritardi infrastrutturali e della mancanza di connessioni internet veloci. Ritardi che sono tra le cause delle preoccupazioni con cui gli imprenditori agricoli affrontano l'avvicinarsi di alcune scadenze importanti come l'obbligo di fatturazione elettronica per l'acquisto di carburanti per autotrazione che scatterà dal 1° luglio.  Secondo una stima di Confagricoltura nove aziende su dieci non sono pronte a far fronte a questo onere.


La richiesta di un periodo di transizione

«Comprendiamo - afferma ad Agrapress il presidente di Confagricoltura veneto Lodovico Giustiniani la scopo del provvedimento, ma sarebbe auspicabile prevedere un periodo di transizione perchè molte aziende non sono attrezzate e dovranno ricorrere a professionisti per far fronte al cambiamento, con aumento di costi e perdita di tempo».

Lodovico Giustiniani

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome