Oliveto superintensivo, le migliori macchine per la potatura

Topping, hedging, trimming. Un video con tutte le macchine e attrezzature presentate alla 7ª Giornata dimostrativa di potatura meccanica organizzata a Valenzano (Ba) dall’Università di Bari

La potatura invernale dell’olivo è fondamentale, sia negli impianti tradizionali sia in quelli superintensivi, per ripristinare luce e aria ed eliminare la vegetazione esaurita od ombreggiante. Oggi il mercato, sulla scorta degli enormi passi compiuti dall’ingegneria meccanica, mette a disposizione due tipi di macchine potatrici, a dischi e a lame oscillanti, utilizzate a seconda del diametro dei rami e quindi del tipo di taglio da effettuare. Alcune di esse sono state presentate alla 7ª Giornata dimostrativa di potatura meccanica dell’olivo organizzata a Valenzano (Ba) dall’Università di Bari.

Potatura meccanica di un oliveto superintensivo nel corso della VII giornata dimostrativa di Valenzano
Salvatore Camposeo

Attrezzature pratiche e versatili

«Tali potatrici – spiega Salvatore Camposeo, docente di Arboricoltura generale presso il Disaat dell’Università di Bari - sono molto versatili e consentono di effettuare una pre-potatura meccanica, con tagli orizzontali superiori (topping), per ridurre l’altezza degli olivi, verticali/obliqui (hedging), per limitare le loro dimensioni laterali, e orizzontali inferiori (trimming), per ridurne la parte bassa, come una sorta di spollonatura meccanica. Inoltre permettono di inclinare l’orientamento dei dischi o della barra falciante per dare la forma voluta all’albero. Alla potatura meccanica deve seguire necessariamente una leggera e veloce potatura manuale con forbici e motoseghe per eliminare succhioni e rami interni alla chioma degli olivi e, negli oliveti superintensivi, branche esterne rigide che sono di ostacolo all’avanzamento della raccoglitrice».

Camposeo illustra ai partecipanti le novità tecniche della VII giornata in campo a Valenzano Ba)

Lame, dischi e elettroutensili

Per le potatrici (o cimatrici) la concessionaria Agricola Gigante di Massafra (Ta) ha proposto la potatrice modello FLHD900 della BMV di Alba (Cn), il concessionario Cordini di Andria ha presentato la cimapotatrice BGP 3000A dell’Officina Meccanica B&G di Braganti Emilio & Gonfia Pierpaolo di Città di Castello (Pg) e la cimatrice monolama BFF (barra falciante frutteto) della VBC Costruzioni Agricole di Colognola ai Colli (Vr). Invece Pellenc Italia ha presentato un ampio assortimento di elettroutensili portatili per la potatura dell’olivo, costituito essenzialmente da forbici e motoseghe.

Clicca qui e leggi l'articolo esteso su Terra e Vita 14_2018

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome