Agevolazioni per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici

Fino ad un massimo di 10.000 € di spesa, in 10 rate annuali di uguale importo. C’è ancora tempo fino al 31 dicembre.

Ancora fino al 31 dicembre è previsto il “bonus mobili ed elettrodomestici”, cioè coloro che acquistano mobili o elettrodomestici risparmiano sulle imposte dovute con la dichiarazione dei redditi. L’agevolazione consiste nella possibilità di detrarre dall’Irpef il 50% della spesa sostenuta per questi acquisti, fino ad un massimo di 10.000 € di spesa, in 10 rate annuali di uguale importo. Ne possono beneficiare coloro che sull’immobile a cui sono destinati i nuovi acquisti, possono usufruire della detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio iniziati dal 1° gennaio 2016. I beni oggetto dell’agevolazione sono: mobili (ad es.: letti, armadi, librerie, tavoli, sedie, divani, poltrone ecc.) e grandi elettrodomestici (frigoriferi, lavatrici, forni, lavastoviglie ecc.) di classe energetica non inferiore alla A+ (forni di classe non inferiore ad A). Per il bonus è necessario effettuare i pagamenti con bonifico, carta di credito, o di debito (sono esclusi assegni e contanti).

1. Quesito 1

Abito in un condominio e sto beneficiando della detrazione Irpef per un intervento sul tetto comune. Posso detrarre il costo dei mobili nuovi del mio soggiorno?

***

Al quesito del lettore deve purtroppo darsi risposta negativa. I condòmini, che detraggono ciascuno per la propria quota la spesa per interventi edilizi sulle parti condominiali, possono beneficiare del bonus mobili solo per i beni destinati ad arredare le parti comuni. Invece, l'agevolazione non spetta per i beni acquistati per arredare la propria abitazione.

 

2. Quesito 2

Nella mia abitazione ho acquistato delle tende per il soggiorno e le camere da letto. Ho diritto al bonus mobili, visto che ho anche cambiato gli infissi esterni?

***

Purtroppo le tende non sono tra i beni che danno diritto alla detrazione fiscale del bonus mobili. Sono invece compresi beni quali: letti, armadi, comodini, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, divani, poltrone, credenze.

 

3. Quesito 3

Come deve essere fatto il bonifico per poter detrarre le spese dei mobili? C'è qualche dicitura particolare da indicare nella causale?

***

Come per la detrazione delle spese edilizie, devono essere indicati: causale del versamento (la medesima dei lavori di ristrutturazione, c'è l'indicazione apposita nella modulistica adottata da banche e poste), codice fiscale del beneficiario della detrazione, partita Iva o codice fiscale del soggetto destinatario del bonifico.

 

4. Quesito 4

Nella mia abitazione ho installato una nuova caldaia e beneficerò della detrazione per risparmio energetico; posso detrarre anche la spesa di mobili nuovi?

***

Le spese finalizzate al risparmio energetico (detrazione fiscale del 65%) non consentono la detrazione delle spese per mobili ed elettrodomestici. Le spese che invece consentono il bonus mobili sono quelle di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia (solo sulle parti comuni condominiali sono comprese anche le spese di manutenzione ordinaria).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome