B4 Holding I cede Agrimaster ad Alcedo

B4 Holding - Agrimaster - Alcedo terra e vita
Trinciatrice con spostamento laterale idraulico adatta per erba, legna di media dimensione, pulizia del sottobosco, manutenzione di bordi stradali e siepi.
È il primo disinvestimento della SICAF B4 Holding I ed il quinto investimento del Fondo Alcedo IV

Alcedo SGR, attraverso il Fondo Alcedo IV, investe € 13,3 milioni per una quota di maggioranza del capitale sociale di Agrimaster, società leader nella progettazione, produzione e commercializzazione di macchinari ed attrezzature per il settore agricolo, dedicate principalmente alla preparazione ed al trattamento del suolo. Alcedo ha rilevato la partecipazione da B4 Holding I – SICAF gestita da B4 Investimenti SGR – che la deteneva dal settembre 2014. Luciano Paiola, Presidente e Amministratore Delegato, nonché azionista di Agrimaster, rimarrà alla guida dell’azienda, confermando così il suo pieno coinvolgimento nella gestione dell’attività.

Con un fatturato consolidato pari a circa € 27 milioni ed una quota di export pari a quasi l’80%, Agrimaster e la sua controllata Breviglieri operano attraverso due impianti produttivi in Italia, situati a Molinella (BO) ed a Nogara (VR). Agrimaster è stata fondata nel 1984 dalla famiglia Martoni. Inizialmente la società era attiva nella produzione e distribuzione di trince per il settore agricolo ed ha successivamente ampliato la propria gamma prodotti, che include oggi anche bracci decespugliatori ed atomizzatori. In seguito all’acquisizione da parte di B4 Investimenti SGR ed all’ingresso del nuovo AD, Ing. Luciano Paiola (top manager con una trentennale esperienza nel settore a livello internazionale), Agrimaster ha proseguito nel proprio percorso di crescita e sviluppo, anche tramite l’importante acquisizione ad inizio 2016 di Breviglieri, specializzata, con oltre sessant’anni di storia, nella produzione e commercializzazione di attrezzature per la preparazione del terreno e, in particolare, di erpici e zappatrici. Negli ultimi anni, il Gruppo è cresciuto costantemente sia nel mercato domestico che nei mercati internazionali, consolidando la propria posizione quale importante player nel settore e leader nelle nicchie di riferimento.

Per B4 Investimenti SGR si tratta del primo disinvestimento di B4 Holding I, SICAF avente un commitment di € 30 milioni, messo a disposizione da investitori privati italiani ed internazionali nell’ambito dei due round di raccolta completati tra il 2012 ed il 2014 e ad oggi in buona parte investito. La cessione di Agrimaster rappresenta un milestone importante per B4 investimenti SGR che, oltre ad essere focalizzata sull’individuazione di un possibile ulteriore investimento da realizzare attraverso B4 Holding I SICAF, in vista del prossimo termine del periodo di investimento di B4 Holding I SICAF ed alla luce dei risultati ottenuti con questa prima iniziativa, sta valutando l’ipotesi di avvio di una nuova fase di raccolta.

Questo di Alcedo è il quinto investimento con il Fondo Alcedo IV, avente una dotazione di € 195 milioni, la cui raccolta è stata completata a maggio 2016.

Alcedo sosterrà Agrimaster nella propria strategia di ulteriore espansione geografica e commerciale, da attuarsi sia per linee interne che mediante ulteriori acquisizioni strategiche in Italia ed all’estero.

“Siamo orgogliosi” – afferma Fabrizio Baroni fondatore e Managing Partner di B4 Investimenti SGR – “di aver contribuito ad accompagnare Agrimaster in questi tre anni, supportando Luciano Paiola ed il suo management team in alcune tappe fondamentali (tra cui l’integrazione di Breviglieri) di un percorso di sviluppo che mira a consolidare una realtà leader a livello internazionale nelle nicchie di mercato di riferimento. L’operazione fa emergere perfettamente i razionali alla base della filosofia di investimento di B4, che punta a importanti ritorni per i propri investitori attraverso l’implementazione di percorsi virtuosi di creazione di valore, basati su partnership e condivisione di obiettivi con imprenditori e manager di standing e su strategie di sviluppo con solidi razionali di business, attraverso un approccio che pone l’accento più sugli aspetti industriali che finanziari del fare private equity. I ritorni significativi realizzati con la cessione di Agrimaster dimostrano che si possono coniugare rendimenti finanziari importanti per gli investitori con la realizzazione ed il consolidamento di importanti percorsi di sviluppo di medio-lungo termine delle imprese partecipate.”

Luciano Paiola, Presidente e Amministratore Delegato di Agrimaster ha così commentato: “Durante il periodo di investimento di B4 Investimenti, Agrimaster ha conseguito un importante processo di crescita che ha portato il fatturato del Gruppo da € 12 milioni a € 27 milioni. In un settore altamente frammentato e con mercati promettenti, il Gruppo si propone di superare i € 30 milioni di fatturato nei prossimi due anni attraverso la crescita per linee interne, cui si aggiungerà la possibilità di sfruttare le ottime opportunità di crescita tramite acquisizioni che il settore ci offre. L’obiettivo fondamentale è la fidelizzazione della rete commerciale che si ottiene solo offrendo una gamma articolata, con dei brand riconosciuti in quanto specialisti e con tempi di consegna rapidissimi”.

Maurizio Tiveron, Managing Partner di Alcedo, ha così commentato: “Agrimaster è una realtà italiana di successo che riesce a competere anche nei mercati esteri, ha un management altamente qualificato ed una forte vocazione all’export. Questo investimento rientra perfettamente nella strategia dei nostri Fondi, che investono in piccole e medie imprese italiane leader nel proprio mercato di riferimento e che presentano un forte potenziale di crescita”.

Per Alcedo l’operazione è stata condotta dai Partner Maurizio Tiveron e Michele Gallo, nonché da Alessandro Zanet (Senior Investment Analyst) e Gioia Ronchin (Investment Analyst). Alcedo è stata assistita dagli Avvocati Alberto Salvadè, Andrea Angelillis, Francesco Barbieri, Riccardo Corbani e Marco Muscettola dello Studio Legale Bird & Bird, per i temi legali. Il Dott. Alberto Galliani e il Dott. Massimo Agnello di KPMG si sono occupati rispettivamente delle Due Diligence finanziaria e fiscale, mentre il Dott. Leo De Rosa e la Dott.ssa Federica Paiella, di Russo De Rosa Associati hanno curato la strutturazione dell’operazione. Infine il Dott. Francesco Scorza di Bain&Company Italy ha svolto la Business Due Diligence.

Per B4 Investimenti SGR l’operazione è stata condotta da Fabrizio Baroni (Managing Partner), Beniamino Viscogliosi (Principal), Luca Amedeo Masobello (Associate) e Tristano Pinter (Analyst). B4 Investimenti SGR è stata assistita nell’ambito del processo M&A dall’advisor finanziario Alantra, con il team composto da Lorenzo Astolfi (Managing Director e CEO), Marcello Rizzo (Managing Director), Vincenzo Cuccorese (Associate) e Marzia Cormun (Analyst). Sugli aspetti legali B4 Investimenti SGR è stata supportata dagli avvocati Ruggero Gambarota e Adele Zito di Lombardi Segni & Associati, mentre la vendor due diligence è stata condotta con l’assistenza, rispettivamente, di PWC (Federico Mussi – Partner, Luciana Sist – Director ed Emma Giorgi – Manager) per gli aspetti contabili e finanziari e dello Studio Gusmitta & Associati (Paolo Gusmitta – Partner, Cristina Gusmitta – Partner, Alberto De Marchi – Senior Manager e Silvana Iungo – Senior Manager) per gli aspetti fiscali e per le tematiche lavoristiche.

L’operazione è stata finanziata da BPER Banca SpA come Bookrunner, Mandated Lead Arranger e Banca Agente, e Banca IFIS come Mandated Lead Arranger. Le banche finanziatrici sono state assistite dall’Avv.to Eugenio Siragusa, Partner dello Studio Legale NCTM.

Michele Fracassini, responsabile Acquisition Finance di BPER Banca, commenta: “Siamo molto soddisfatti e orgogliosi di aver supportato Alcedo e il gruppo Agrimaster in questa importante operazione che si innesta e dà nuovo slancio al percorso di crescita intrapreso negli ultimi anni. Agrimaster e Breviglieri rappresentano un’eccellenza per il territorio e l’economia locale, con lo sguardo sempre più rivolto al mercato globale: uno stimolo ulteriore per le banche partner ad essere parte attiva nel sostenere e agevolare i propri clienti”.

 

L’operazione è stata perfezionata con l’assistenza del notaio Giovannella Condò, Studio Milano Notai.

 

***

B4 Investimenti

B4 Investimenti SGR è un operatore di private equity costituito nel 2012 al fine di individuare ed investire in PMI italiane caratterizzate da buona redditività, chiare prospettive di sviluppo, forte vocazione all’internazionalizzazione e posizionamento di leadership in specifici segmenti di mercato in cui l’“italianità” rappresenti un fattore distintivo. B4 Investimenti SGR investe i capitali raccolti, attraverso B4 Holding I SICAF, da investitori privati italiani ed internazionali, tra cui importanti imprenditori, manager e professionisti, che hanno condiviso l’investment strategy proposta da B4 Investimenti SGR, che mira ad un supporto pro-attivo allo sviluppo delle aziende investite. L’obiettivo di B4 è essenzialmente quello di trasformare “piccole eccellenze italiane” da aziende “a dimensione prettamente familiare e/o artigianale” ad aziende “strutturate”, in grado di competere “a 360 gradi” – con le opportune risorse finanziarie e manageriali – nei contesti globali dei rispettivi mercati di riferimento.

 

Alcedo SGR

Alcedo SGR è uno dei principali operatori nel private equity in Italia ed è specializzata nella gestione di Fondi di Investimento Alternativo Mobiliare di Tipo Chiuso Riservato. La società ha sede a Treviso e da quasi 30 anni si dedica ad attività di investimento nelle eccellenze italiane, con un focus prevalente sulle piccole e medie imprese del Nord e Centro Italia. Il Team di Investimento di Alcedo ha sviluppato un approccio unico all’investimento in capitale per la crescita (“Growth Capital”), basato non solo sull’apporto finanziario ma anche e soprattutto sulla capacità di instaurare stretti rapporti di partnership con gli imprenditori e i manager, finalizzati ad alimentare il processo di crescita delle aziende oggetto dell’investimento, secondo piani e prospettive condivise con i soggetti medesimi, mettendo a servizio le esperienze maturate e le eventuali sinergie derivanti dalle diverse esperienze partecipative. Agrimaster è il quinto investimento del Fondo Alcedo IV, che ha raccolto € 195 milioni a maggio 2016. www.alcedo.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome