AZIENDE E PRODOTTI

chickenPOWER: impianti B.T.S.® Biogas per gestori di aziende avicole

B.T.S.® Biogas è nota sul mercato per lo sviluppo e la realizzazione di impianti
di biogas costruiti per rispondere nel modo più adeguato alle esigenze
aziendali dei propri clienti.

In particolare la linea chickenPOWER per impianti con potenze installate da
500kW a 1MW+ è la soluzione più efficiente e redditiva per i gestori di aziende
avicole. Il sistema è stato infatti sviluppato non solo per poter utilizzare la
pollina in modo economico ed efficiente, ma anche per generare un ulteriore importante
reddito aziendale attraverso la produzione e la vendita di energia elettrica, calore,
biometano e fertilizzante secco o liquido.

A seconda della qualità e della
quantità di pollina disponibile, B.T.S.® Biogas offre agli allevatori di
pollame tre soluzioni fondamentali.

-
Nel caso di pollina
secca conferita in percentuali fino al 20%
in codigestione con altri
materiali come ad esempio liquame, mais o insilato d'erba, la fermentazione ottimale
viene garantita anche con un impianto B.T.S.® Biogas tradizionale senza
necessità di pre-trattamento o additivi.

-
Se la
biomassa è composta dal 20% al 70% di pollina secca, l'alto contenuto di
azoto ostacola la fermentazione anaerobica. Per questo motivo è necessaria la
diluizione con acqua e l'aggiunta di micronutrienti presenti in prodotti
specifici B.T.S.® Biogas (ad esempio METANmax+) in modo da consentire la scomposizione
del substrato e la produzione di biogas.

-
Per gli
impianti ad alimentazione esclusiva di pollina secca, B.T.S.® Biogas ha
sviluppato una tecnologia specifica: l'impianto chickenPOWER. Anche in questo
caso la biomassa pura ricavata dalla pollina viene diluita con acqua e
digestato quanto basta per diminuire adeguatamente la percentuale di azoto. Nei
casi in cui vi è la presenza di sabbia nelle deiezioni l'impianto è predisposto
per la sua rimozione. Per un'adeguata alimentazione di un impianto chickenPOWER
da 1 MW sono necessarie circa 15.000 t di pollina secca.

Grazie all'innovativo impianto di essicazione
BIOdry oltre al biogas prodotto si genera un digestato in fase liquida e solida
che può essere utilizzato come ottimo ammendante igienizzato o come
combustibile. Grazie al processo di strippaggio è anche possibile riutilizare la
maggior parte del liquido necessario per diluire la biomassa destinata all'impianto,
operando quindi in modo efficiente anche sotto il profilo delle risorse
impiegate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome