Una sentenza a favore della lotta all’italian sounding e alla contraffazione alimentare

contraffazione
I giudici californiani hanno condannato l'azienda Deoleo a cancellare l'indicazione 'made in Italy' dalle bottiglie che non contengono olio extravergine spremuto in Italia da olive coltivate in Italia.

La filiale statunitense dell'azienda spagnola Deoleo, proprietaria dei marchi Bertolli e Carapelli, ha patteggiato una class action che la accusava di rappresentare in modo fuorviante l'origine e la qualità dei suoi prodotti, accettando di pagare una multa di 7 milioni di dollari, di utilizzare bottiglie verde scuro per prevenire la degradazione del prodotto causata dalla luce, anticipare la data di scadenza e rivelare la data di raccolta delle olive.

«La sentenza di condanna della Deoleo in California è un primo, importantissimo precedente giudiziario a favore della lotta all'italian sounding e alla contraffazione alimentare nel paese in cui il fake food fattura 20 miliardi di euro l'anno – ha commentato l'esponente del Pd Colomba Mongiello -. Al di là della multa milionaria patteggiata, è assai importante, a tutela dei consumatori statunitensi e degli olivicoltori italiani, che i giudici californiani abbiano imposto la cancellazione dell'indicazione 'made in Italy' dalle bottiglie che non contengono olio extravergine spremuto in Italia da olive coltivate in Italia».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome