Cereali. Prezzi nazionali (21 settembre)

cereali frumento tenero terra e vita 21 settembre
Cereali: frumento tenero, frumento duro, mais, cereali foraggeri e oleaginose

Frumento tenero

Si assiste al consolidamento dei prezzi con riflesso dai mercati comunitari. L’offerta di grani di forza nostrani resta presente ma una domanda incerta e la concorrenza Europea ed estera di fatto li congelano poco sopra i 230 €/t (-1) arrivo. Simile scenario per i grani superiori ed i misti, questi ultimi poco disponibili, con l’origine comunitaria (con caratteristiche) che facilita la miscela ai molini. Il livello di copertura degli utilizzatori e l’offerta sul prontissimo oltre la domanda suggeriscono “invariati” per i “misti” che si scambiano a 185-190 €/t reso; i grani “di forza” EU valgono un 235-237 €/t arrivo e gli “spring” sui 265-270 €/t (-5).

 

cereali frumento duro terra e vita 21 settembre

Frumento duro

Continua il declino delle quotazioni, più marcato al Nord a Milano (-3 €/t) e Bologna (-2 €/t), con Foggia che passa un simbolico meno 1 €/t a conferma di un momento riflessivo del mercato tra le indecisioni dei compratori ed una certa pressione dell’offerta a commercializzare sul breve una parte della produzione. Qualitativamente il prodotto 2017 scambiato è Fino proteico, ma resta ancora del 2016 medio-basso proteico che lentamente (ed a sconto) trova collocazione. Le origini comunitarie ed estere restano pressoché invariate come prezzi e poco offerte, di fatto non influendo sui prezzi locali che per il per il tipo Fino proteico sono sui 235 €/t arrivo; il buono mercantili sotto i 200 €/t e il resto sui 185-190 /t arrivo.

 

cereali mais terra e vita 21 settembre

Mais

Nonostante l’annata con rese Italia poco soddisfacenti, nel resto d’Europa e all’estero (aree no-OGM) l’offerta è ampia: risultato è che sulle nostre piazze il mais è entrato in una fase di fiacca con quotazioni in calo di un 2 €/t anche per la voce “con caratteristiche”. Non aiutano il momento economico della zootecnia, il prezzo del grano ed il fatto che le coperture (oggi a prezzi alti) degli utilizzatori siano già ben oltre la primavera 2018. Prezzi in calo con il “generico” che vale arrivo un 176-180 €/t (-2) e il “con caratteristiche” a premio di 3-5 €/t sui 183 €/t; comunitario stabile sui 185 €/t e l’origine Ucraina a Bologna in calo di 4 €/t sui 186 €/t (-4).

 

cereali foraggeri e oleaginose terra e vita 21 settembre

Cereali foraggeri e oleaginose

Cereali foraggeri: frena la tendenza rialzista per l’orzo, sempre ben tenuto in Europa, ma stabilizzatosi al momento sui 165 €/t arrivo, con il tenero da settimane quotato attorno ai 178-180 €/t ed il sorgo che risente del declino del mais con perdita di un 2 €/t per un prezzo arrivo poco sopra i 170 €/t (-2). Oleaginose: in attesa di vedere le prime quotazioni della soia nazionale, è quotata solo l’estera, senza segnali di cambiamento, sui 360 €/t arrivo; il girasole apre a Bologna sui 280-290 €/t arrivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome