Stabili i grani, cresce ancora l’orzo, mais sempre in sofferenza

cereali
I prezzi settimanali dei cereali ( grano tenero, grano duro, orzo, mais, erba medica, soia, girasole e colza ), rilevati dalle Camere di Commercio ed elaborati da Borsa Merci Telematica Italiana (BMTI).

Quarta settimana di ottobre che ha visto prevalere ancora una sostanziale stabilità nei mercati dei grani. Per il grano tenero, qualche ribasso si è osservato solo per i grani di provenienza nordamericana, complice principalmente il cambio euro – dollaro.

Tra i cereali foraggeri prosegue invece la crescita per gli orzi, con aumenti particolarmente marcati sulla piazza di Milano per l’orzo nazionale pesante (+3,8% rispetto alla settimana precedente e valori sui 212 – 220 €/t). Lieve ribasso per il sorgo (-1,1%), attestato sulla soglia dei 180 €/t, sebbene i valori attuali confermino una variazione positiva rispetto a dodici mesi fa (+2,6%).

Mercato che rimane pesante per il mais nazionale, anche per via di un’offerta che si mantiene superiore alla domanda, e listini delle Camere di Commercio che sono rimasti sostanzialmente invariati rispetto alla settimana precedente.

Nel comparto dei foraggi, tornano stabili i listini dell’erba medica e della paglia di grano, con quest’ultima che mantiene però una forte crescita su base annua (+76% sulla piazza di Modena).

Tra le farine proteiche, sulla scia dei ribassi osservati per le quotazioni alla borsa di Chicago e complice un contesto mondiale che rimane segnato da una produzione record di soia, i listini delle Camere di Commercio hanno messo in mostra diffusi ribassi per i prezzi della farina di soia. Mercato decisamente meno vivace rispetto a qualche settimana fa anche per la farina di girasole, i cui valori mantengono però una forte crescita rispetto allo scorso anno (+48% a Bologna per il prodotto proteico). Rialzi su base settimanale per la farina di colza nazionale (+1,8% sulla piazza di Torino), anche per via di una minore offerta.

Scarica il dettaglio dei prezzi nel periodo dal 22 al 27 ottobre 2018

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome