Azzerati gli sbarchi di duro dal Canada e boom di grani antichi

Attività di scarico di grano duro da nave. A Manfredonia è fortemente diminuito l'ormeggio di cargo dal Canada
La provincia di Foggia, leader nella produzione di grano duro, era anche il maggiore importatore. Gianni Cantele (Coldiretti Puglia): «Una prassi che è venuta meno grazie agli accordi di filiera e all'attenzione ai trattamenti in preraccolta con glifosate»

Praticamente azzerato l’import di grano canadese nei primi 5 mesi del 2018. Le battaglie per la valorizzazione del grano italiano – secondo Coldiretti Puglia – hanno invertito la rotta della filiera cerealicola, dando grande risalto alla pasta 100% made in Italy e da grani antichi. La Puglia che è il principale produttore italiano di grano duro, con 343.300 ettari coltivati e 9,43 milioni di quintali ed è paradossalmente – denuncia Coldiretti Puglia - anche quello che ne importava di più, tanto da rappresentare un quarto del totale del valore degli arrivi di prodotti agroalimentari nella Regione.

L’effetto della guerra del grano

GIanni Cantele, presidente di Coldiretti Puglia

«La guerra del grano - dice Gianni Cantele, Presidente di Coldiretti Puglia - e il generale riposizionamento dell’industria pastaia hanno invertito la rotta delle navi provenienti dal Canada. E’ letteralmente crollata l’importazione del grano, ridotta a poco più di 2mila quintali. Il Canada è stato a lungo il principale fornitore di grano duro dell’Italia per un quantitativo che nel 2017 è stato pari a 7,2 milioni di quintali. In altre parole un pacco di pasta su sei prodotto nel nostro Paese era ottenuto con grano canadese». A determinare il drastico cambiamento è stata l’attenzione dell’opinione pubblica verso i trattamenti con glifosate in preraccolta, pratica non autorizzata in Italia ma che diventa la prassi in Canada, come denunciato più volte dalla Coldiretti. «Va sfruttato al massimo – aggiunge Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Puglia - lo strumento dei contratti di filiera che possono riportare in trasparenza i passaggi dal grano alla pasta, supportati oggi dall’etichettatura dell’origine obbligatoria del grano per la pasta. Al contempo sta riscuotendo molto successo in Puglia  la coltivazione di grani antichi, come il Senatore Cappelli, che nella campagna 2017-2018 ha quintuplicato le superfici coltivate, passando dai 1000 ettari del 2017 ai 5000 attuali, trainato dal crescente interesse per la pasta 100% italiana e di qualità, grazie al lavoro di selezione e promozione svolto da CNR e SIS».

Tre milioni di grano duro,
altrettanti di tenero:
Coldiretti e Casillo
firmano il più grosso
accordo di filiera nel bio

In questo contesto è stato siglato il più grande accordo sul grano biologico mai realizzato al mondo per quantitativi e superfici coinvolte tra Coldiretti, Consorzi agrari d’Italia, Fdai (Firmato dagli agricoltori italiani) e il Gruppo Casillo, la più grande trading company italiana del grano duro, che prevede la fornitura di 3 milioni di quintali di grano duro biologico destinato alla pasta e altrettanti di grano tenero all’anno per la panificazione per tre anni, con la possibilità di una proroga per altri due, per un totale di 5 anni. Leader indiscussa in Puglia nella produzione di grano duro è la provincia di Foggia, con 240mila ettari coltivati e 7milioni di quintali di produzione, seguita da Bari con 36mila ettari e 695mila quintali di grano prodotto.

Apulian life style: tipicità tracciata tramite blockchain

Coldiretti Puglia, S.I.S. e Divella hanno aderito al progetto di Apulian Life Style della Regione Puglia che, partendo dal segmento pilota della filiera cerealicola, si propone di tracciare, attraverso la tecnologia blockchain, dati utili a imprese della produzione e della distribuzione, alle Istituzioni e soprattutto ai consumatori. Grazie alla creazione della piattaforma digitale e al data entry di tracciabilità delle produzioni agroalimentari dal campo alla tavola – spiega Coldiretti Puglia - i benefici dal lato utente saranno legati alla possibilità di promuovere i prodotti locali dopo aver compreso gli stili di vita e le scelte alimentari dei consumatori, diffondere la potenzialità della soluzione sviluppata ad un vasto pubblico di stakeholder e la sua applicabilità in campi con problematiche affini.

1 commento

  1. alla faccia di chi diceva, come la COLDIRETTI, che con l’accordo CETA ci sarebbe stato il boom delle importazioni di grano dal Canada…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome