Semine di primavera salvate dal caldo dopo pioggia no stop

Coldiretti sottolinea l’importanza dell’arrivo dell’alta pressione sull’Italia. E le api finalmente lasciano le arnie per l’impollinazione

L’arrivo del caldo salva le semine di primavera di granoturco, soia, barbabietole, pomodoro ed ortaggi in gravissimo ritardo per colpa di neve, grandine e pioggia non stop che hanno impedito l’accesso ai terreni e provocato danni alle coltivazioni pari a oltre 400 milioni di euro dall’inizio dell’anno.

E’ quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare l’importanza dell’arrivo dell’alta pressione sull’Italia dopo un inizio stagione che aveva fatto temere il peggio. In una stagione chiave per l’agricoltura il cielo - sottolinea la Coldiretti – è tornato azzurro dopo una lunga fase di maltempo con un mese di marzo segnato da straordinarie piogge e neve che ha fatto registrare la caduta del 74% di acqua in più rispetto alla media storica sulla base dei dati Isac Cnr.

Il clima impazzito dell’inizio del 2018 rischiava di impedire la coltivazione di prodotti centrali per la tavola degli italiani, dopo i tanti danni diretti provocati dal gelo, dai violenti temporali e dalla grandine che hanno distrutto gli ortaggi in campo e provocato perdite consistenti nelle piante da frutto e soprattutto gli ulivi.

Le bizze del tempo di questa pazza primavera - conclude la Coldiretti - hanno sconvolto anche le api che finito il lungo periodo di pioggia finalmente possono uscire dalle arnie durante la fioritura per svolgere il prezioso lavoro di trasporto del polline da una pianta all’altra e garantire la produzione di miele in forte ritardo con cali fino al 50% per i primi raccolti di stagione, a seconda delle zone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome