Agricoltura conservativa e futura Pac. Le prospettive di reddito

La nuova programmazione comunitaria va verso il riconoscimento dei benefici ricavabili da tecniche come minima lavorazione e semina su sodo. Da alcune ricerche è risultato che l’agricoltura conservativa consente sempre un risultato economico migliore rispetto alle tecniche tradizionali

«Il fermento degli ultimi mesi sul futuro della nostra agricoltura è molto legato alla nuova programmazione comunitaria. Ci sono due anni di transizione, in cui si possono fare proposte compatibili con le nostre esigenze, ma anche con gli impegni a cui ci chiama la Comunità europea». Così ha esordito Michele Pisante, dell’Università di Teramo, in occasione di un webinar organizzato da Edagricole durante Eima Digital Preview, dove si è approfondito il tema dell’aumento della redditività grazie all’agricoltura conservativa e all’agricoltura di precisione, due sistemi di gestione che si stanno sempre più diffondendo a livello mondiale.

«L’agricoltura conservativa ha superato i 180 milioni di ettari nel 2015 nel mondo contro i 50 milioni di quella biologica (fig. 1) – ha riferito Pisante – mentre a livello europeo i dati sono meno entusiasmanti: la Spagna è in testa con 900mila ettari nel 2017, mentre l’Italia si ferma a quota 187mila ettari (tab. 1), che però nel 2018 sono diventati 343mila. Ma il dato più importante è che la conservativa non ha un canale di censimento accurato al pari di quella biologica, che è certificata, per cui si tratta di valori sottostimati».

 

 

La mancanza di dati ufficiali da 10 anni ha sicuramente influito sull’efficacia delle misure di agricoltura conservativa introdotte dai Psr, delegando a scelte volontarie da parte degli agricoltori.

agricoltura conservativa

tab. 1 Superfici ad agricoltura conservativa in Europa (ha) (2017)
2017
Spagna 900.000
Romania 583.820
Polonia 403.180
Regno Unito 362.000
Francia 300.000
Italia 283.923
Finlandia 200.000
Germania 146.300
Moldavia 60.000
Estonia 42.140
Repubblica Ceca 40.820
Slovacchia 35.000
Portogallo 32.000
Austria 28.330
Grecia 24.000
Lituania 19.280
Croazia 18.540
Svizzera 17.000
Bulgaria 16.500
Svezia 15.820
Lettonia 11.340
Olanda 7.350
Ungheria 5.000
Danimarca 2.500
Slovenia 2.480
Lussemburgo 440
Belgio 270
Cipro 270
Irlanda 200
Totale 3.558.200
Fonte: Kassam, 2018

«La spinta dei Psr tra il 2014 e il 2020 ha dimostrato che l’agricoltura conservativa è stata prescelta in ben 15 regioni (tutte tranne Umbria, Marche, Liguria, Trentino Alto-Adige e Valle d’Aosta) – ha continuato Pisante – cosa che fa ben sperare circa l’inserimento di queste misure anche nella prossima Pac, ma è evidente che le scelte fatte risentono della mancanza di dati a livello regionale. In aggiunta, si è verificata anche una mappatura diversificata delle pratiche ammesse, per cui non c’è regione che abbia utilizzato gli stessi criteri (semina diretta, minima lavorazione, strip till, cover crop…)».

L’agricoltura conservativa si basa su tre pilastri: semina diretta o minima lavorazione del suolo, copertura permanente del suolo e diversificazione colturale.

«A ciascuno di questi pilastri – ha spiegato Pisante – che vanno declinati a seconda delle esigenze dei territori e delle pratiche in uso in questi territori, possono corrispondere uno o più benefici, come l’incremento della sostanza organica, l’aumento della fertilità agronomica dei suoli, la riduzione dei gas climalteranti, la riduzione dell’erosione idrica del suolo e un aumento della resilienza territoriale dei singoli appezzamenti al cambiamento climatico in atto. Ma gli effetti nel tempo di questi benefici si materializzano nel medio-lungo periodo (7-14 anni) e questo si scontra con esigenze di effetti quasi immediati».

Fortunatamente, la nuova Pac va verso il riconoscimento di questi benefici. «Indicatori di risultato come la mitigazione del cambiamento climatico e lo stoccaggio del carbonio organico nel suolo – ha confermato Pisante – possono premiare sicuramente gli agricoltori virtuosi, mentre nella precedente programmazione questo obiettivo era troppo ambizioso».

Agricoltura di precisione e contoterzisti

Con l’agricoltura di precisione si riescono a combinare gli effetti e i risultati dell’agricoltura conservativa.

«Grazie alle tecnologie digitali innovative – ha spiegato Pisante – è possibile collegare ciascuna operazione colturale all’altra e alle banche dati, creando un inventario di dati che può non solo monitorare e misurare periodicamente la sostenibilità, ma soprattutto creare quello che è il valore più grande dell’agricoltura sostenibile, cioè il dato, che è uno degli aspetti più importanti della produzione agricola.

Non solo, infatti, riusciamo a dimostrare i potenziali benefici, ma soprattutto possiamo valorizzare i risultati economicamente e questo è l’obiettivo con cui la nuova Pac è rivolta al Green Deal, il “sogno verde”, che per diventare verde deve corrispondere agli agricoltori virtuosi i vantaggi di un’agricoltura rispettosa dell’ambiente e determinante per la riduzione del cambiamento climatico. I tre pilastri sopracitati sono complementari tra di loro e all’aumentare dell’impegno di questi pilastri possono corrispondere dei valori, rappresentati da 0 a 5 (fig. 2), che poi devono essere “ponderati” a dei valori economici in euro.

Questo significa ribaltare in un certo senso la progettazione della precedente Pac, basata esclusivamente sulla compensazione alle maggiori spese e ai mancati redditi, e andare verso incentivi che sono incrementali rispetto agli obiettivi, con una flessibilità che può aggiungere agli impegni per l’agricoltura conservativa quelli per le tecnologie dell’agricoltura di precisione (mappatura dei suoli, mappe di prescrizione, mappe di resa e dati). Anche se l’Italia non è ancora pronta, possiamo contrare sulla grande sinergia tra agricoltura e contoterzisti, i partner ideali per poter fare questo salto di qualità e implementare queste tecnologie che hanno bisogno di grandi superfici per ammortizzare i costi».

Il vantaggio per le pubbliche amministrazioni consiste nel ricevere dati su cui formulare in modo più corretto e coerente le nuove programmazioni e dimostrare in questa logica di sussidiarietà quelli che sono gli effetti di un’agricoltura sostenibile nel vero senso del termine.

«La linea d’azione europea parte dal piano strategico nazionale – ha concluso Pisante – per cui definire interventi mirati e obiettivi quantificati significa commettere minori errori nel monitoraggio e nelle analisi pluriennali a cui saremo soggetti. Perciò è importante definire un quadro degli indicatori di monitoraggio dei risultati che sia coerente con i rispettivi territori e su questo l’attuazione del piano deve essere adattata alla realtà locale per migliorare le performance delle aziende agricole dal punto di vista ambientale ed economico».

I vantaggi economici

«Da alcune ricerche sull’analisi economica dell’agricoltura conservativa e di precisione – ha riferito nel suo intervento Angelo Frascarelli, dell’Università di Perugia – è risultato che l’agricoltura conservativa consente sempre un risultato economico migliore rispetto alle tecniche tradizionali e, quando associata al precision farming, è la tecnica che realizza i risultati migliori. Quando, infatti, abbiniamo agricoltura conservativa e di precisione, i miglioramenti possono andare da 80 fino a 200 euro per ettaro».

Molti agricoltori e tecnici contestano queste conclusioni, perché questo cambiamento di passaggio alla conservativa e al precision farming sembrerebbe portare un vantaggio economico troppo basso.

«Non sono d’accordo – ha spiegato Frascarelli – perché 100 euro a ettaro in più di reddito netto è in realtà un risultato importante. Nei cereali a paglia, nella soia e nel mais, infatti, oggi la redditività senza Pac va da 200 a 400 euro/ettaro, quindi ottenere 100 euro in più significa migliorare il reddito del 25%. Inoltre, il fatto di passare a queste tecniche ha un vantaggio in termini economici e di politica agraria, ovvero di allineamento alle aspettative dei cittadini in termini di sostenibilità».

Frascarelli ha riportato poi un caso studio di tre aziende agricole analizzate, dove in tutti e tre i casi è stato riscontrato un miglioramento del reddito netto passando dall’agricoltura tradizionale a quella conservativa nei cereali a paglia (tab. 2).

tab. 2 Risultati economici dei cereali in agricoltura tradizionale e conservativa (€/ha)
VOCI AZIENDA A AZIENDA B AZIENDA C
Tradizionale Conser. Tradizionale Conser. Tradizionale Conser.
Ricavi 1176 1176 1210 1210 645,7 645,7
Costi variabili 876,21 607,82 925,74 709,08 524,25 407,34
Costi espliciti 1071,67 858,27 1091,13 939,25 734,83 641,75
Reddito lordo 299,79 568,18 284,26 500,92 121,45 238,36
Reddito netto 104,33 317,73 118,87 270,75 -89,13 3,96

«Sono dati reali che dimostrano come l’agricoltura conservativa migliori il reddito e, anche se non parliamo di cifre straordinarie, in alcuni casi renda positivo il reddito netto. Come agricoltura di precisione, inoltre, abbiamo lavorato con un’azienda importante della Pianura padana che ci ha messo a disposizione 36 ettari coltivati a mais da granella, confrontando 3 livelli (agricoltura tradizionale, conservativa e strip tillage) incrociati con l’agricoltura di precisione (livello 0 senza agricoltura di precisione, livello 1 con semina a rateo variabile e livello 2 con concimazione a rateo variabile).

I risultati migliori in termini economici sono stati ottenuti con la minima lavorazione associata alla semina a rateo variabile, seguita dallo strip tillage abbinato alla semina a rateo variabile (tab. 3a-b)».

«Passare all’agricoltura conservativa e al precision farming – ha concluso Frascarelli – richiede un cambio di paradigma: bisogna reimparare a fare l’agricoltore e adottare certe tecniche, ma è necessario prepararsi a questo cambiamento verso la sostenibilità ambientale, perché non ci sono alternative. Non dobbiamo difendere la vecchia agricoltura, ma chiedere mezzi alla nuova agricoltura che ci consentano un reddito equivalente o superiore».

tab. 3 a Risultati economici (€/ha) di confronto tra agricoltura tradizionale e conservativa (mais)
Trad. 0 Trad. 1 Trad. 2 Minima 0 Minima 1 Minima 2 Strip 0 Strip 1 Strip 2
Produzione Granella (t/ha) 8,00 9,44 8,93 7,72 9,94 8,27 8,05 9,37 8,59
Plv 1.384 1.634 1.544 1.335 1.720 1.430 1.413 1.620 1.486
Pagamento diretto 400 400 400 400 400 400 400 400 400
Ricavi 1.784 2.034 1.944 1.735 2.120 1.830 1.793 2.020 1.886
Costi variabili 861 930 852 790 861 790 873 923 844
Reddito Lordo 924 1.104 1.092 945 1.258 1.040 920 1.098 1.042
Ricavi 1.784 2.034 1.944 1.735 2.120 1.830 1.793 2.020 1.886
Costi totali 1.806 1.884 1.803 1.709 1.793 1.707 1.778 1.835 1.749
Utile -21 150 141 26 326 124 15 185 137
Ricavi 1.784 2.034 1.944 1.735 2.120 1.830 1.793 2.020 1.886
Costi espliciti 1.556 1.635 1.553 1.471 1.554 1.469 1.543 1.601 1.515
Reddito netto 229 399 391 265 565 361 250 420 371

 

tab. 3 b Risultati parcellari
Parcelle Produzione Ricavo Costo d'uso macchine Concimi Erbicidi Sementi Reddito Netto
t/ha €/ha €/ha €/ha €/ha €/ha €/ha
Tradizionale 0 8 1.302 284 338 20 248 145
Tradizionale 0 8 1.467 268 342 21 257 313
Tradizionale 1 10 1.677 287 352 23 300 437
Tradizionale 1 9 1.590 280 350 22 300 361
Tradizionale 2 9 1.514 290 317 21 259 348
Tradizionale 2 9 1.574 265 323 21 257 433
Minima 0 8 1.345 181 321 65 215 310
Minima 0 8 1.325 156 348 81 268 219
Minima 1 11 1.840 206 323 66 300 678
Minima 1 9 1.599 174 334 73 300 453
Minima 2 8 1.329 161 338 73 244 250
Minima 2 9 1.531 159 285 81 270 473
Strip 0 7 1.294 133 339 150 251 170
Strip 0 9 1.492 126 350 164 273 330
Strip 1 10 1.814 139 334 145 300 635
Strip 1 8 1.426 142 352 166 299 205
Strip 2 9 1.495 135 340 149 248 361
Strip 2 9 1.477 126 253 172 286 381
Agricoltura conservativa e futura Pac. Le prospettive di reddito - Ultima modifica: 2020-12-04T08:00:48+01:00 da Francesco Bartolozzi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome