Ifad: «I leader globali devono investire nel futuro»

Gilbert F. Houngbo (nella foto), presidente dell'International Fund for Agricultural Development, sta dalla parte dei giovani: «aiutiamo i 600 milioni di giovani che vivono nelle aree rurali e che vogliono fare agricoltura»

«Investire nell'agricoltura sostenibile non è mai stato così essenziale per le comunità rurali e per la sicurezza alimentare, ma dobbiamo tenere in speciale considerazione anche le sfide che investono le nuove generazioni, con oltre 600 milioni di giovani che vivono in aree rurali». Lo ha detto il presidente dell'Ifad (International Fund for Agricultural Development) Gilbert F. Houngbo, nel suo intervento di benvenuto al meeting annuale dell'agenzia dell'Onu, dedicato all'innovazione e all'impresa agricola.

«I leader globali devono investire nel futuro - ha spiegato il numero uno dell'Ifad, affermando che  - l'innovazione e l'accesso alla tecnologia sono elementi chiave per rendere l'agricoltura più attrattiva per i giovani come attività economica redditizia, ma dobbiamo essere in grado di portare a termine una vera trasformazione rurale. I giovani sono il nostro futuro e la loro speranza, diamo loro l'opportunità di portarci verso un futuro sostenibile», ha concluso Houngbo, alla presenza tra gli altri di papa Francesco e del premier Giuseppe Conte.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome