Insieme si vende di più e meglio, anche grazie ai social

"I ragazzi di campagna" è il nome che Alex Vantini e altri due giovani produttori hanno scelto per fare breccia sui consumatori attraverso una pagina social accattivante e un punto di vendita diretta in stile natural

Con 24 ettari, di cui 18 di proprietà e 6 in affitto coltivati a kiwi, albicocche, ciliegie e orticole nel comune di Verona e un punto vendita diretta, il ventottenne Alex Vantini ha portato all’interno dell’impresa familiare, in cui si è insediato con il Psr veneto, idee innovative per la diversificazione e commercializzazioni delle produzioni. Laureato in marketing ed economia agroalimentare, Vantini è co-titolare dell’azienda con suo padre Gianantonio, lo zio Attilio e il cugino Mattia di 29 anni.

“I ragazzi di campagna”. Da sinistra: Riccardo Franco, Luca dal Pezzo e Alex Vantini

L’azienda agricola Vantini è stata per molti anni vocata alla produzione, lavorazione e commercializzazione del kiwi. Il prozio di Alex Vantini, Sergio a cui è titolato il punto vendita, è stato negli anni ’70 uno dei pionieri della coltivazione dell’actinidia nel veronese, provincia che a livello veneto e italiano è leader nella produzione del frutto verde. «Fino a tre anni fa – racconta Alex – la nostra azienda esportava kiwi all’estero in Canada, Stati Uniti, Asia, Sud Africa, Germania e Paesi Scandinavi per il 40% dei 12mila quintali di prodotto lavorato tra quello proprietà e conferito da altri produttori.

La merce esposta nella bottega “Zio Sergio”

Oggi, il prodotto lavorato si attesta sui 4mila quintali. Le cause di tale cambiamento sono dovute prima all’arrivo della Psa e poi della moria del kiwi. Quest’ultima, comparsa nel veronese nel 2012, ha causato ingenti danni in particolare nella zona ovest delle produzioni classiche. Pertanto abbiamo deciso di diversificare le nostre produzioni, pur rimanendo legati alla frutticoltura che resta il nostro punto di forza. Per le coltivazioni usiamo in campo apparecchiature per analizzare l’umidità del terreno e centraline meteorologiche». La bottega “Zio Sergio” è stata costruita in bioedilizia e arredata in legno per trasmettere un messaggio di naturalità. I prodotti provengono dall’azienda di Vantini o di produttori locali.

 

La comunicazione sui social network

Produzione di kiwi all’azienda agricola Vantini

L’ultima sfida di Alex è stata quella di creare nello scorso mese di aprile una cooperativa dal nome “I ragazzi di campagna” con altri due agricoltori veronesi under 30 anni, Riccardo Franco e Luca dal Pezzo, e aprire un negozio in Valpolicella per la vendita di prodotti agroalimentari provenienti dalle loro aziende agricole che si trovano in tre punti diversi della provincia (Verona, Zevio e San Bonifacio). I ragazzi hanno in prospettiva di ampliare l'offerta coinvolgendo altri colleghi nella cooperativa e aprire altri punti vendita a livello locale.

Importanza è data alla comunicazione, specie sui social network, ai consumatori. «Tutto nel negozio – precisa Vantini - è studiato per trasmettere ai clienti il senso della terra e della naturalità, come peraltro la nostra comunicazione. Non vendiamo solo prodotti ma il territorio veronese che è altamente vocato all’agricoltura e che dà produzioni di eccellenza dall’ortofrutta, ai formaggi, alle carni, all’olio e al vino».

Grandi soddisfazioni

In un certo senso per Alex Vantini è un ritorno a casa dopo anni di export e di vendite in Italia del kiwi. «Sono soddisfatto – conclude - delle nuove attività e di essere riuscito in poco tempo a creare alternative valide aziendali anche dal punto di vista del reddito».

Alex Vantini in campo

 

 

Alex Vantini è impegnato anche all’interno di Coldiretti come delegato dei giovani agricoltori a livello regionale del Veneto e provinciale di Verona oltre a ricoprire l’incarico di vice delegato nazionale Giovani Impresa.

 

Clicca su @ragazzidicampagnastore per visitare la pagina FB dedicata.

Insieme si vende di più e meglio, anche grazie ai social - Ultima modifica: 2019-06-26T14:41:50+00:00 da Mary Mattiaccio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome