Xylella, escalation in campo e in tribunale

Una croce di colore rosso indica gli ulivi infettati dalla Xylella fastidiosa, il batterio che sta decimando gli ulivi del Salento,
Cronistoria dell'epidemia sugli olivi pugliesi

>>marzo 2013. Prime segnalazioni di una "lebbra degli ulivi" in Salento;

>>settembre. Sopralluogo del Servizio fitosanitario; Giovanni Martelli (Università Bari) avanza l’ipotesi Xylella;

>>13 ottobre. Prime diagnosi di conferma del Cnr;

>>21 ottobre. Eppo lancia l’allerta contro l’organismo da quarantena;

>>13 febbraio 2014. Prima decisione esecutiva della Commissione Ue.

>>marzo. Mappatura della situazione,16mila campioni sotto analisi;

>>aprile. Avvio dell’inchiesta della Procura di Lecce (tra le ipotesi al vaglio il ruolo dello Iamb di Bari);

>>10 febbraio 2015. Il Governo dichiara lo stato di calamità.

>>12 febbraio. Giuseppe Silletti nominato commissario straordinario.

>>19 marzo. Pubblicato il piano di contenimento (abbattimenti selettivi);

>>7 maggio. Il Tar del Lazio accoglie i ricorsi e sospende il Piano;

>>2 luglio. Via al Decreto che recepisce il piano Ue e stanzia 11 milioni per gli abbattimenti;

>>21 luglio. Missione del Commissario europeo Vytenis Andriukaitis nell’area colpita, secondo Piano Silletti;

>>settembre. Nuovi focolai nella zona di Oria (Br);

>>15 ottobre. Il Tar blocca 21 ordinanze di abbattimento;

>>9 dicembre. Bruxelles avvia la procedura di infrazione contro l’Italia per l’inosservanza del piano;

>>17 dicembre. La Procura di Lecce blocca gli abbattimenti con il sequestro d’urgenza delle piante (si legga qui).

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome