Cereali, tira aria di prezzi bassi

cereali
Semine regolari e clima favorevoli fanno prevedere un sensibile calo dei prezzi locali e mondiali

L’euro è tornato ai minimi degli ultimi anni, ma i prezzi dei cereali non sembrano risentirne come in passato. È cambiato qualcosa nei fondamentali? Avventurarsi nei meandri della finanza è pericoloso per chi si occupa di produzioni agricole. Spesso  ne subisce le conseguenze da “neofiti”. Comunque  la recente svalutazione dell’euro rispetto al dollaro era nell’aria da mesi e (probabilmente) molti operatori hanno per tempo “coperto” (anche speculando) il rischio cambio. Sul fronte dei prezzi, scenario simile: è atteso un sensibile calo dei prezzi locali e mondiali a seguito di semine regolari e una situazione climatica e agronomica sempre più favorevoli. Giustissimo sulla carta dire che l’euro in caduta dovrebbe far aumentare i prezzi, ma l’impasse odierno delle quotazioni è dovuto al fatto che euro e prezzi mondiali sono entrambi calati, ma chi ha venduto euro a futuro (al cambio di 1,25-1,30) ha atteso a comprare il cereale e ora ha fretta di consolidare quanto di (economicamente) buono è riuscito a mettere insieme. Per chiudere il cerchio a molti è venuta l’idea di condividere un "qualcosina" del guadagno cambio con il compratore e l’effetto è stato quello di stabilizzare i prezzi nonostante il recente crollo dell’euro. Fondamentali e incognite di mercato restano gli stessi di ieri, ma molti preferiscono l’uovo oggi alla gallina di domani.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome