Accordo Amazon-Icqrf per scovare le false Dop in rete

Amazon
Primo di questo genere tra uno Stato e il portale di e-commerce per proteggere i marchi di origine, tutelare i consumatori, le imprese e prevenire la contraffazione agroalimentare

Rafforzare la tutela, la promozione, la valorizzazione e l’informazione dei prodotti agroalimentari italiani Dop e Igp verso i consumatori che acquistano su Amazon.
Questo l'obiettivo dell'accordo siglato tra Mipaaf e Amazon per la tutela dell’agroalimentare italiano nel sito e-commerce. L’Italia diventa così il primo Paese al mondo che come istituzione firma un memorandum d'intesa con Amazon per proteggere i marchi di origine, tutelare i consumatori, le imprese e prevenire la contraffazione agroalimentare.

L’Ispettorato Centrale della tutela della Qualità e Repressione Frodi dei prodotti agro-alimentari (Icqrf) e Amazon rafforzano la collaborazione esistente per l’individuazione e segnalazione delle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale dei prodotti Dop e Igp, nonché delle pratiche sleali relative alla corretta informazione sugli alimenti.

L'accordo, con il monitoraggio quotidiano dei mercati online effettuato dall'Icqrf, aumenta la tutela dei prodotti italiani d'eccellenza consentendo ad Amazon di rimuovere tempestivamente quelli contraffatti.

Amazon
La firma dell'accordo

Dop e Igp perno dell'agroalimentare italiano

«La tutela della qualità delle produzioni agroalimentari rappresenta per l'Italia uno degli obiettivi principali della politica agroalimentare, poiché il nostro Paese ha il più alto numero di prodotti Dop e Igp in Europa – ha affermato il Ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli –. Questo accordo con Amazon, che negli ultimi anni ha implementato diversi programmi e innovazioni tecnologiche volti a tutelare clienti, venditori e marchi, conferma la qualità del lavoro svolto finora con l'Icqrf. Inoltre, questo accordo porterà a un rinnovato sostegno e a una maggiore tutela dell'agricoltura italiana e dell'immenso patrimonio agroalimentare del Paese».

«Garantire la tutela dei nostri prodotti è un contributo alla trasparenza del mercato, alla difesa dei diritti del consumatore e al lavoro dei nostri agricoltori e delle nostre aziende – ha detto il vicepresidente del reparto "fiducia dei clienti e supporto dei partner" di Amazon Dharmesh Mehta –. La difesa dei prodotti di eccellenza passa solo attraverso la totale trasparenza nei confronti del consumatore e proprio per questo continuiamo a portare avanti con costante impegno le nostre battaglie in materia di etichettatura di origine e nutrizionale anche nei marketplace online che stanno diventando sempre più un canale complementare al commercio tradizionale».

Molti dei partner di vendita di Amazon sono piccole e medie imprese e rappresentano la maggior parte dei prodotti fisici venduti nei negozi del gigante dell'e-commerce. Nel 2020, Amazon ha investito oltre 700 milioni di dollari e ha impiegato più di 10.000 persone per proteggere i suoi store on line da frodi e abusi.

Oltre 200 aziende italiane hanno superato un milione di euro di vendite su Amazon per la prima volta nel 2020. I partner di vendita italiani hanno superato in totale 600 milioni di euro di fatturato all’estero. Inoltre, a sostegno della loro crescita digitale, hanno creato finora oltre 50.000 posti di lavoro in Italia.

Accordo Amazon-Icqrf per scovare le false Dop in rete - Ultima modifica: 2021-10-28T16:51:07+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome