“AmalaTerra”, un docufilm che racconta il dramma della Xylella

Con il docufilm “AmalaTerra” il regista Gabriele Greco racconta il dramma, la lotta e la speranza nei territori colpiti dalla Xylella
L’opera del regista Gabriele Greco racconta il dramma dei territori colpiti da Xylella. Confagricoltura ha preso spunto dalla proiezione del film per fare il punto sullo stato dell’arte nella lotta al batterio

“AmalaTerra” è un docufilm del regista Gabriele Greco che racconta il dramma, la lotta e la speranza nei territori colpiti dalla Xylella, malattia che nell’ultimo decennio si è abbattuta sugli olivi del Salento mettendo a dura prova l’economia pugliese e cambiando la fisionomia del paesaggio regionale. Il docufilm mette a nudo la vita dei personaggi che ne prendono parte: agricoltori e agronomi che lottano costantemente per contrastare l’avanzata dell’epidemia e che sperano di recuperare, con l’aiuto della ricerca, i loro territori e la loro storia.

 

Proiezione nella sede di Confagricoltura

Della validità del docufilm si è fatta partecipe e portavoce Confagricoltura, nella cui sede esso è stato proiettato. Una occasione per approfondire e dibattere su questa problematica molto nota, ma in realtà poco compresa, e per fare il punto sulla campagna olivicola 2019 che in Italia – secondo i dati dell’Ufficio Studi di Confagricoltura – ha segnato un incremento vicino al 31% rispetto al 2018 e ha confermato la Puglia prima regione produttrice, con un record del +65% (ma nel Salento si è registrato un calo della produzione del 75-80%).

 

Pantaleo Greco: «Fare il punto su stato dell’arte nella lotta a Xylella»

Pantaleo Greco, presidente della Federazione nazionale olivicola di Confagricoltura.

 

«È il momento di fare il punto sullo stato dell’arte nella lotta alla Xylella e Confagricoltura ha scelto di farlo in modo originale presentando questo bellissimo docufilm di Gabriele Greco che si è aggiudicato diversi premi in concorsi internazionali – ha affermato Pantaleo Greco, presidente della Federazione nazionale olivicola di Confagricoltura e interprete del docufilm con l’agronomo e olivicoltore Giovanni Melcarne –.

Giovanni Melcarne, agronomo e olivicoltore.

Questo terribile batterio sta distruggendo in modo inarrestabile il paesaggio agrario del Salento, con gravi danni economici e sociali. Per questo occorre dare al più presto attuazione ai provvedimenti che consentano di utilizzare i 300 milioni di euro stanziati con il decreto emergenze a favore dell’olivicoltura pugliese, incluso quello relativo al “Piano straordinario per la rigenerazione” dell’olivicoltura delle zone infette. Le risorse non sono poche, ma occorre gestirle con oculatezza, efficacia ed efficienza, magari puntando a una gestione straordinaria di questi fondi piuttosto che sui meccanismi del Psr nella Regione».

 

Gabriele Greco: «Un docufilm per fare chiarezza su questa grave malattia»

Gabriele Greco, regista del docufilm “AmalaTerra”.

L’idea di realizzare un docufilm incentrato sul dramma della Xylella è nata dalla necessità di fare chiarezza su questa malattia che ha duramente colpito l’economia pugliese oltre che il suo splendido paesaggio, ha spiegato il regista Greco. «Ho visto ammalarsi i miei alberi, nella zona di Santa Maria di Leuca, e ho iniziato a prendermene cura come se fossero i miei figli. Ho capito che quella contro la Xylella è una battaglia per la quale dobbiamo batterci tutti, soprattutto chi ha la fortuna di possedere alberi sani. Il Salento è una terra meravigliosa, conosciuta in tutto il mondo per l’azzurro del suo mare, ma anche e soprattutto per il verde di suoi alberi, che devono tornare a fiorire. Ho pensato che fosse necessario raccontare il dramma della Xylella attraverso la voce delle persone che lo vivono in prima persona, come gli agricoltori, che in pochi mesi hanno visto vanificarsi i sacrifici di una vita intera. “Amalaterra” vuole infondere un messaggio di speranza, soprattutto fra le nuove generazioni, potendone accrescere la consapevolezza, il rispetto e l’amore che bisogna nutrire per la propria terra».

 

L’Abbate: «Dramma economico, paesaggistico-ambientale e sociale»

Quello che la Puglia, e in particolare il Salento, sta vivendo in questi ultimi anni a causa della Xylella è un dramma non solo economico e produttivo, ma anche paesaggistico-ambientale e persino sociale, ha rimarcato il sottosegretario alle Politiche agricole Giuseppe L’Abbate.

Giuseppe L’Abbate, sottosegretario alle Politiche agricole.

«Ritengo che le crisi debbano divenire una opportunità da cogliere senza lasciarsi prendere dallo sconforto, bensì guardando con occhi nuovi al domani, facendo tesoro delle lezioni che questa vicenda porta inevitabilmente con sé. Da parte nostra c’è tutta la volontà di essere accanto alle diverse compagini dei territori colpiti. Già durante la conversione in legge del decreto Emergenze, la scorsa primavera, abbiamo stanziato 300 milioni di euro per il biennio 2020-2021 destinati a ridisegnare l’agricoltura e il paesaggio pugliese finora interessato. Sui tavoli europei si sta lavorando sulla nuova decisione comunitaria che permetterà ai vivaisti di tornare a commercializzare le piantine e il nostro impegno continuerà per far fronte alle altre richieste del territorio».

 

Giansanti: «Un patrimonio enorme da “rigenerare” quanto prima»

Nella Conferenza europea sulla Xylella tenutasi a fine ottobre in Corsica, ha concluso il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti, si è arrivati a stimare, tramite rilevazioni satellitari, che sono 650 i kmq colpiti e ben 6,5 milioni gli olivi con sintomi di disseccamento ascrivibili a Xylella.

Massimiliano Giansanti, presidente nazionale di Confagricoltura.

«Un patrimonio enorme che dovremmo quanto prima “rigenerare” usando la massima flessibilità nel reimpianto degli oliveti, evitando di vincolare i nuovi investimenti a rigide condizioni che riguardano le specie, le varietà ammesse e le forme di impianto e consentendo anche di investire su altre produzioni se del caso. Dobbiamo tutelare il territorio ed il paesaggio del Salento, ma dobbiamo anche far ripartire l’economia del territorio. In questi giorni è stato ormai finalizzando il protocollo amministrativo condiviso tra Mibact, Mipaaf e Regione Puglia che, auspichiamo, consentirà di superare tutti i vincoli che finora hanno disincentivato i reimpianti ed anche di fare quel necessario salto di qualità a molte aree di olivicoltura estensiva del Salento, per accrescere produzione e produttività”.

“AmalaTerra”, un docufilm che racconta il dramma della Xylella - Ultima modifica: 2019-11-19T17:59:30+00:00 da Giuseppe Sportelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome