Contratto nazionale degli impiegati agricoli: rinnovo con aumento del 2%

periti agrari
Accordo sottoscritto da tutte le parti sociali. Il contratto, scaduto a dicembre 2019, interessa circa 16.000 impiegati. Soddisfatti i sindacati di categoria

Siglato il rinnovo del CCNL Impiegati agricoli sottoscritto da tutte le parti sociali (era scaduto nel dicembre 2019), che hanno raggiunto l’accordo con un aumento del 2%, con decorrenza 1/7/2021. Il contratto interessa circa 16.000 impiegati, ma nonostante il rallentamento delle trattative a causa delle crisi pandemica, le associazioni dei datori e dei lavoratori nel mondo agricolo sono riuscite comunque a garantire un contratto adeguato a chi svolge attività fondamentali a supporto degli imprenditori. A partire dal 1° luglio 2021 e, a titolo di indennità per la carenza contrattuale, è stato concordato un importo una tantum di 225 euro, riparametrato sulla terza categoria.

Sindacati soddisfatti

In un comunicato congiunto Confederdia, Fai Cisl, Flai Ggil e Uila Uil esprimono soddisfazione per la conclusione di un confronto "lungo e reso complesso dalla pandemia" e ribadiscono "il valore di un rinnovo significativo che riesce a tutelare il potere di acquisto di circa 20.000 lavoratrici e lavoratori, figure professionali che rivestono un ruolo strategico in un'agricoltura sempre più innovativa".

 

 

Oltre all'incremento salariale è stato previsto un contributo a totale carico del datore di lavoro di 10 euro finalizzato al rilancio della previdenza complementare in agricoltura con decorrenza 1° gennaio 2022. È istituito in via sperimentale e comporta l'automatica iscrizione per i quadri ed impiegati non iscritti ad agrifondo. Gli altri elementi significativi sul versante normativo prevedono un aggiornamento delle figure professionali, la disciplina delle ferie solidali, azioni di contrasto alla violenza sui luoghi di lavoro e di sostegno alle vittime, nonche' iniziative di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. "Valorizzata, inoltre, la formazione professionale continua e riqualificato l'apprendistato – sottolineano i sindacati – viene istituito un organismo bilaterale paritetico con il compito di svolgere attività promozionali di formazione, informazione e welfare per gli addetti del settore".

Cia: accordo importante

Per Cia-Agricoltori Italiani, l’esito positivo del negoziato è di grande importanza, trattandosi del rinnovo di uno dei due principali contratti del comparto, in rappresentanza del 3% dei lavoratori del settore agricolo.

In uno scenario in cui, da una parte, si registra l’assenza di strumenti normativi che disciplinano la flessibilità intrinseca nell’occupazione agricola e dall’altra, la presenza di una legislazione contro il lavoro irregolare sempre più stringente, Cia ritiene che questo contratto possa essere lo strumento utile a convogliare sia le esigenze di lavoratori e imprese. Il rinnovo del CCNL potrà, dunque, avere la capacità di attrarre sempre di più le imprese agricole, considerando che in questi ultimi di dieci anni l’occupazione agricola ha mantenuto i suoi livelli, senza subire traumi, registrando piccoli, ma significativi trend di crescita.

Contratto nazionale degli impiegati agricoli: rinnovo con aumento del 2% - Ultima modifica: 2021-07-08T09:51:58+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome