Criminalità nelle campagne, grave azione intimidatoria all’Antica Cantina di San Severo (Fg)

A causa di una grave azione intimidatoria due milioni di litri di vino dell’Antica Cantina di San Severo (Fg) sono stati sversati nei campi circostanti.

Due milioni di litri di vino sono stati sversati nelle campagne di San Severo (Fg) a seguito di una grave azione intimidatoria ai danni dell’Antica Cantina. Nella scorsa notte alcuni uomini incappucciati hanno scavalcato i cancelli e si sono introdotti dello stabilimento vinicolo, hanno forzato i bocchettoni dei silos, aperto le valvole e lasciato fuoriuscire il vino.

I danni per la cantina sociale foggiana ammontano a circa 1,5 milioni di euro.

Su 19 serbatoi ne hanno aperti 15, alcuni dei quali sono stati completamente svuotati. Il danno stimato è di circa 1,5 milioni di euro.

Vanificato gran parte del lavoro dell'ultima annata

L’Antica Cantina è una storica cooperativa che da 86 anni raccoglie le uve di circa 300 piccoli produttori viticoli e li trasforma in vino che poi vende in Italia ed esporta in alcuni Paesi europei.

L’Antica Cantina è una storica cooperativa che da 86 anni raccoglie le uve di circa 300 piccoli produttori viticoli e li trasforma in vino che poi vende in Italia ed esporta in alcuni Paesi europei. «C’è profonda amarezza – confessa il direttore dell’Antica Cantina Lucio Pistillo – perché noi lavoriamo uve che provengono da centinaia di famiglie di viticoltori foggiani. Gran parte del lavoro di questa annata è stato vanificato, ma nessuno pensi di fermarci con questi atti intimidatori».

San Severo è decisa a reagire con forza a questo vile attacco.

«Coloro che hanno causato questo scempio – dichiara il sindaco di San Severo Francesco Miglio – devono vergognarsi perché hanno schiaffeggiato il lavoro di tanta povera gente che si alza all’alba e con il suo lavoro tiene vivo questo territorio. Perciò San Severo è decisa a reagire con forza a questo vile attacco».

L'ultimo anello di una lunga catena di atti criminali

L’azione intimidatoria di San Severo è solo l’ultimo anello di una catena continua di atti criminali che, denuncia il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia, «fanno vivere imprenditori agricoli e operai in un estenuante clima da Far West nelle campagne, dove ormai si teme anche per l’incolumità personale. Da anni chiediamo l’intervento del Ministero degli Interni e dell’Esercito per un presidio massiccio e costante delle aree rurali, ma senza esito. Evidentemente si sta sottovalutando la situazione.

L’azione intimidatoria di San Severo è solo l’ultimo anello di una catena continua di atti criminali nelle campagne pugliesi.

Sabotaggi, assalti armati per rubare mezzi agricoli, furti di prodotti e olivi, taglio di ceppi di uva e tiranti: non si contano più per frequenza e gravità i fenomeni criminosi che colpiscono e indeboliscono il settore agricolo. E non si tratta più soltanto di “ladri di polli”, ma di veri criminali che organizzano raid capaci di mettere in ginocchio un’azienda».

 

Più controlli nelle aree rurali

È inaccettabile che dopo mesi di sforzi e di fatiche, lottando quotidianamente contro la burocrazia e il clima impazzito, aggiunge il presidente di Coldiretti Foggia, Giuseppe De Filippo, un’azienda come l’Antica Cantina veda andare in fumo il frutto del proprio lavoro ad opera di bande criminali che compiono atti di gravità inaudita. «Si tratta di un atto intimidatorio senza eguali. Chiediamo una cabina di regia interforze che stringa le maglie dei controlli nelle aree rurali e organizzi sistemi di presidio anche tecnicamente all’avanguardia perché così non è più possibile andare avanti. Oltre ai furti di rame, prodotti e mezzi agricoli, stiamo registrando fenomeni estorsivi chiaramente evidenziati dai numerosi tendoni e ceppi di uva tagliati. Il fronte dell’illegalità è sempre più ampio e riguarda la proprietà fondiaria, le infrastrutture di servizio all’attività agricola e, non da ultime, le produzioni agricole ed agroalimentari».

Criminalità nelle campagne, grave azione intimidatoria all’Antica Cantina di San Severo (Fg) - Ultima modifica: 2019-10-21T23:59:14+00:00 da Giuseppe Sportelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome