Dazi Usa: blitz di Coldiretti all’arrivo di Pompeo al Quirinale

Messaggi "distensivi" di coldiretti contro la guerra dei dazi
Trump minaccia di alzare il livello della guerra commerciale anche contro i nostri prodotti. La visita del Segretario di Stato degli Stati Uniti vivacizzata dagli agricoltori "gialli" con bandiere e cartelli. Tra gli slogan: «Mr Pompeo we are friends, don’t kill italian food»

Blitz della Coldiretti al Quirinale con Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Prosciutti di Parma e San Daniele, olio extravergine di oliva, pasta, conserve di pomodoro, Prosecco, Chianti ed altri vini oltre ad una selezione di specialità abruzzesi in occasione dell’arrivo del Segretario di Stato americano Mike Pompeo.

Il flashmob organizzato da Coldiretti al Quirinale

Prendere Trump per la gola

Gli agricoltori della Coldiretti hanno voluto manifestare con cartelli e bandiere la preoccupazione per i rischi dei dazi Usa che potrebbero colpire i prodotti piu’ tipici dell’agroalimentare tricolore le cui esportazioni valgono 4,2 miliardi in Usa che sono il principale mercato di sbocco fuori dall’Unione Europea.«Don’t kill the italian food», «Mr Pompeo we are friends», ma anche «A present for Trump» sono alcune delle scritte che si leggono nei cartelli esposti dalla Coldiretti davanti ad un nugolo di forze di polizia a presidio del passaggio del lungo corteo scortato da uomini armati.

Italia estranea alla querelle Airbus

L’Italia ha appoggiato gli Stati Uniti per le sanzioni alla Russia che, come ritorsione, ha posto l’embargo totale su molti prodotti agroalimentari che è costato al Made in Italy oltre un miliardo in cinque anni ed ora secondo la Coldiretti rischia di essere ingiustamente anche tra i Paesi più puniti dai dazi Usa per la disputa tra Boeing e Airbus che è essenzialmente un progetto franco-tedesco a cui si sono aggiunti Spagna e Gran Bretagna.

L'incontro tra il presidente Sergio Mattarella e MIke Pompeo al Quirinale
Dazi Usa: blitz di Coldiretti all’arrivo di Pompeo al Quirinale - Ultima modifica: 2019-10-01T15:44:43+00:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome