È il comparto zootecnico a soffrire di più per l’impennata dei costi

Il consueto rapporto di breve termine della Commissione Ue mette in luce l’impatto dell’inflazione post lockdown. I settori agricoli europei sono colpiti in modo diverso dall'aumento dei prezzi delle materie prime. E se i cereali possono godere dell’aumento delle quotazioni, lo stesso non capita per il settore della carne e dei prodotti caseari. La crisi più forte è qui

Il settore agroalimentare dell'UE deve far fronte all'impennata dei prezzi delle materie prime.

Un’inflazione innescata molto probabilmente dalla ripartenza delle economie dell'UE, degli Stati Uniti e della Cina.

L'aumento dei prezzi dell'energia e dei trasporti e le conseguenze della diffusione della variante Delta del covid-19, in particolare in Asia, stanno avendo un impatto dirompente sulle catene di approvvigionamento in tutto il mondo.

 

 

In questo contesto di tensioni, l'edizione autunnale 2021 del rapporto di mercato a breve termine, pubblicata l'8 ottobre 2021 dalla Commissione europea, presenta una panoramica dettagliata delle ultime tendenze e ulteriori prospettive per ciascuno dei settori agroalimentari coperti.

Seminativi, costi assorbiti dall’aumento dei prezzi

La produzione cerealicola dell'UE è in aumento, con una proiezione di 294,8 milioni di tonnellate per il 2021/22, un aumento del 5% rispetto allo scorso anno. Questa crescita è sostenuta principalmente dalla ripresa della produzione di grano, stimata in 131 milioni di tonnellate, l'11,9% in più rispetto allo scorso anno. Con prezzi elevati e condizioni favorevoli per il pascolo nell'UE, l'uso di cereali per l'alimentazione dovrebbe essere stabile per il 2021/22, a 162,2 milioni di tonnellate.

soiaLa produzione di semi oleosi dell'UE si è ripresa dal minimo dello scorso anno, stimato a 30,4 milioni di tonnellate per il 2021/22, un aumento del 10% rispetto al 2020/21. Allo stesso modo, la produzione UE di colture proteiche dovrebbe raggiungere i 4,8 milioni di tonnellate nel 2021/22, con un aumento dell'11,3% anno su anno. Ciò è dovuto principalmente ad un aumento dell'area del 13,4%.

corso coltivazione biologica barbabietola da zuccheroPer quanto riguarda la barbabietola da zucchero, la previsione per il 2021/22 è più favorevole rispetto alla scorsa stagione, con una previsione di resa di 75,1 tonnellate per ettaro. La produzione di barbabietola da zucchero dell'UE potrebbe raggiungere i 113 milioni di tonnellate, con un aumento del 13,6% rispetto alla stagione precedente.

Nel complesso, con prospettive positive e prezzi elevati, i coltivatori di seminativi dovrebbero essere in grado di assorbire l'aumento dei prezzi dei fattori di produzione.

Colture specializzate arboreeolio

Si prevede che la produzione di olio d'oliva dell'UE sarà di 2 milioni di tonnellate per il 2021/22, allo stesso livello dell'anno scorso. La buona annata attesa è stata ostacolata da un'estate calda e secca in alcuni paesi produttori. Le esportazioni dell'UE dovrebbero aumentare nel 2021/22 e potrebbero raggiungere le 860mila tonnellate.

melePer quanto riguarda le mele, la produzione dell'UE dovrebbe aumentare del 10% nel 2021/22, raggiungendo i 12,5 milioni di tonnellate. Questo aumento deriva principalmente dalla produzione polacca, con un aumento della superficie coltivata e condizioni meteorologiche favorevoli. Ciò metterà sotto pressione i prezzi, ma i consumi rimarranno forti.

coronavirusSi prevede un calo del 3% per la produzione di arance dell'UE, che raggiunge i 6,4 milioni di tonnellate, trainata da un calo della produzione italiana a causa delle avverse condizioni meteorologiche. In termini di consumo, le arance fresche restano elevate, sostituendo il consumo di succo d'arancia trasformato.

Allevatori stressati dagli aumenti di mangimi e input

soiaLa situazione dei mercati dei prodotti animali è mista. I prezzi nei settori delle carni bovine, avicole e lattiero-caseari sono buoni. Tuttavia, con l'aumento dei prezzi dei mangimi e degli input, i margini dei produttori potrebbero essere ridotti. Quest'anno i grandi allevamenti lattiero-caseari e bovini dovrebbero beneficiare della buona disponibilità di foraggio.

Caseari in crescita

latteaSi prevede che la raccolta di latte dell'UE aumenterà dello 0,3% nel 2021, rispetto all'anno precedente. Il patrimonio dei bovini e ovini da latte dovrebbe diminuire dello 0,9%. Tuttavia, potrebbe essere compensato dalla crescita dei rendimenti, in aumento dell'1,3%, inferiore a quanto originariamente previsto.

Attualmente il formaggio continua a essere la principale opzione di lavorazione, sostenuto dalla crescita delle esportazioni. Nel complesso, le esportazioni di formaggi dell'UE potrebbero aumentare del 4% nel 2021. consumo alimentari di prodotti caseariTuttavia, si stima che l'uso interno cresca solo dello 0,5%. Le vendite al dettaglio potrebbero diminuire con un aumento degli usi dei servizi di ristorazione. Ciò dovrebbe portare ad un aumento della produzione di formaggio di circa l'1%, con un previsto rallentamento rispetto agli attuali tassi di crescita.

Per quanto riguarda il burro, la produzione UE dovrebbe rimanere stabile nel 2021, in aumento dello 0,1% rispetto al 2020. Il consumo potrebbe crescere in modo simile al formaggio, di circa lo 0,6%.

Carne suina in difficoltà

carne bovina irlandese
Vitelloni da carne sui verdi pascoli dell'Eire

Si prevede che la produzione di carne bovina nell'UE diminuirà moderatamente, in calo dello 0,5% nel 2021. Ciò è dovuto principalmente a una riduzione della mandria di vacche unita a una minore domanda nel servizio di ristorazione. Le esportazioni verso mercati di alto valore come Giappone, Norvegia e Hong-Kong sono in aumento, il che dovrebbe portare a un aumento complessivo del 2% per le esportazioni di carne bovina nel 2021.

 

filiera suinicolaIl mercato delle carni suine dell'UE sta affrontando difficoltà, con un significativo aumento della produzione (+4,1%) nella prima metà del 2021, combinato con un rallentamento della domanda. Ciò ha portato a un calo dei prezzi, quando i produttori devono far fronte a costi elevati. Tuttavia, l'aumento della produzione dovrebbe rallentare, con una crescita della produzione annua nel 2021 dell'1,7%.

settore avicoloAnche il settore avicolo sta attraversando una situazione difficile, con effetti duraturi dell'influenza aviaria (AI), riduzione della domanda di servizi alimentari e costi elevati dei mangimi. Si prevede che la produzione diminuirà dello 0,9% nel 2021. Le esportazioni dell'UE risentono dei divieti relativi all'IA, con un calo del 5% nel 2021.

 

oviniInfine, la carne ovina e caprina dell'UE deve far fronte a carenze di approvvigionamento sia a livello dell'UE che a livello mondiale; portando a prezzi elevati. Si prevede che la produzione dell'UE aumenterà dell'1,3% nel 2021. In termini di commercio, i prezzi elevati e la carenza di approvvigionamento mantengono i prodotti nell'UE, limitando il commercio di carne ovina e caprina.

È il comparto zootecnico a soffrire di più per l’impennata dei costi - Ultima modifica: 2021-10-13T20:42:15+02:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome