Export agroalimentare, l’Europa si conferma leader mondiale

produzione
Nel 2018 spedita oltreconfine merce per 138 miliardi di euro, con un saldo commerciale attivo al netto delle importazioni di 22 miliardi

L’ultimo rapporto comunitario pubblicato il 5 settembre 2019 conferma come l’Unione europea sia il maggior esportatore mondiale di prodotti agroalimentari mentre è scesa al secondo posto come importatore. I prodotti agricoli rappresentano una quota solida del 7% del valore delle merci totali esportate dai 28 Paesi nel 2018, al quarto posto dopo macchinari, altri manufatti e prodotti chimici. L'agricoltura e le industrie e i servizi legati all'alimentazione forniscono insieme quasi 44 milioni di posti di lavoro ai cittadini del Vecchio Continente. La catena di produzione e trasformazione alimentare rappresenta il 7,5% dell'occupazione e il 3,7% del valore aggiunto totale nell'Ue.

La recessione non frena il trend positivo

Gli ultimi dati evidenziano anche che l’andamento positivo delle esportazioni alimentari comunitarie rimane sempre positivo nonostante una congiuntura internazionale che si è deteriorata dal 2017 in avanti.

Infatti, dopo una forte crescita nel 2017 e all'inizio del 2018, l'attività economica globale ha subito un notevole rallentamento nella seconda metà dello scorso anno, indicando un certo rallentamento della dinamica economica che colpisce molti paesi. La crescita del Pil mondiale è stata segnalata al 2,9% e potrebbe rallentare ulteriormente al 2,6% nel 2019/2020.

La crescita del commercio mondiale di merci stimato a un tasso del 3% è stato appesantito dall'escalation delle controversie commerciali è stato negativo per la fiducia delle imprese e il peggioramento del mercato finanziario.

I principali attori del commercio agroalimentare hanno riferito di esportazioni e importazioni stagnanti o inferiori. Complessivamente le esportazioni di cinque principali esportatori (Ue, Usa, Brasile, Cina, Canada) hanno mostrato una flessione dell'1% rispetto al 2017. Le importazioni agroalimentari dei primi cinque importatori (Usa, Ue, Cina, Giappone, Canada) sono leggermente aumentati dello 0,7%.

Dopo una performance impressionante nel 2017 e in linea con le tendenze mondiali, nell'Ue il commercio agroalimentare ha leggermente rallentato e ha raggiunto un valore di 254 miliardi nel 2018 – 138 miliardi di esportazioni e 116 miliardi di importazioni.

Il commissario per l'Agricoltura e lo sviluppo rurale uscente Phil Hogan, ha dichiarato: «La politica agricola comune sempre più orientata al mercato ha contribuito in modo decisivo al successo dell'Ue nel commercio agricolo. La reputazione dell'Ue per avere prodotti sicuri, sostenibili, nutrienti e di qualità è una formula vincente nel mercato globale. La Commissione è qui per aiutare i produttori a sfruttare appieno le opportunità in tutto il mondo, garantendo sempre che i nostri settori più sensibili siano dotati di garanzie sufficienti».

made in Italy

 

Le destinazioni dell'export europeo

Le prime cinque destinazioni per i prodotti agroalimentari dell'Ue continuano ad essere gli Stati Uniti, la Cina, la Svizzera, il Giappone e la Russia, che rappresentano il 40% delle esportazioni dell'Ue. Oltre a negoziare accordi commerciali che offrono ulteriori opportunità agli agricoltori dell'Ue, la Commissione europea aiuta gli esportatori dell'UE ad entrare in nuovi mercati e beneficiare di opportunità commerciali attraverso attività di promozione tra cui missioni di alto livello guidate dal commissario Hogan. Nel 2018 e 2019, il commissario Hogan, accompagnato dai produttori dell'Ue, ha viaggiato in Cina, Giappone e Emirati Arabi Uniti.

I prodotti più spediti

Vini e vermouth continuano a dominare il paniere di prodotti esportati con spiriti e liquori al secondo posto. Poi arrivano alimenti per l'infanzia e varie preparazioni alimentari, cioccolato, pasta e pasticceria.
Per quanto riguarda le importazioni, il rapporto conclude che l'Ue è diventata il secondo maggiore importatore di prodotti agroalimentari con un valore di 116 miliardi di euro. Ciò porta la bilancia commerciale europea per questo settore a un saldo attivo di 22 miliardi.

L'Unione fornisce principalmente tre tipi di prodotti: prodotti che non sono, o solo in piccola parte, prodotti nell'Ue come frutta tropicale, caffè e frutta fresca o secca (che rappresentano il 23,4% delle importazioni nel 2018); prodotti destinati all'alimentazione animale (compresi frittelle e semi di soia - insieme al 10,8% delle importazioni); e prodotti usati come ingredienti per ulteriori lavorazioni (come l'olio di palma).

Export agroalimentare, l’Europa si conferma leader mondiale - Ultima modifica: 2019-09-06T15:45:01+00:00 da Simone Martarello

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome