Stesso alimento, ingredienti diversi: una pratica ingannevole

etichettatura stabilimento
La Commissione analizza le etichette di 1380 campioni di 128 prodotti alimentari venduti in tutta Europa: in un terzo dei casi la composizione varia tra i diversi Paesi Ue nonostante la confezione rimanga identica. Il Commissario alla Giustizia Věra Jourová : «Le leggi europee intendono favorire i consumatori e non tollerano questa politica commerciale: non ci devono essere due pesi e due misure».

Molti prodotti alimentari sono commercializzati in tutti gli Stati membri in quanto prodotti da industrie alimentari multinazionali e si presentano con marchi e confezioni analoghe.

Ma non sempre la stessa denominazione e presentazione oltre che lo stesso produttore, sono garanzia di uniformità degli ingredienti che compongono il prodotto stesso.

La Commissione ha pubblicato i risultati di una campagna di prova paneuropea di prodotti alimentari che mostra che alcuni prodotti sono identici o con marchio simile pur avendo una composizione diversa.

Analizzando circa 1.400 prodotti alimentari in 19 paesi dell'UE, lo studio, realizzato dal servizio interno di scienza e conoscenza della Commissione, un Centro comune di ricerca, mostra che il 9% dei prodotti comparati differiva per composizione, sebbene il front-pack era identico. Un altro 22% di prodotti con una composizione diversa aveva un front-pack simile.

I prodotti non sono stati analizzati nei laboratori né assaggiati da valutatori sensoriali addestrati. Solo le informazioni fornite sulle etichette del prodotto - la dichiarazione nutrizionale e l'elenco degli ingredienti - e l'aspetto del front-pack sono state utilizzate per confrontare lo stesso prodotto in diversi Stati membri.

Una pratica fuorviante

Secondo la legislazione dell'UE, la commercializzazione di un bene deve essere identico a quello commercializzato in un altro Stato membro, mentre dall’analisi emergono composizioni o caratteristiche significativamente differenti che non possono essere giustificate da ragioni legittime e obiettive e possono fuorviare illecitamente i consumatori.

Věra Jourová

Věra Jourová , ex-Commissario per la Giustizia, i consumatori e l'uguaglianza di genere, ha dichiarato: « Non ci saranno due pesi e due misure nel mercato unico europeo: con le nuove leggi che penalizzano la duplice qualità e il rafforzamento delle autorità dei consumatori, abbiamo gli strumenti a portata di mano per porre fine a questa pratica: i consumatori europei potranno fare la spesa con la piena fiducia che acquistino ciò che vedono».

L’analisi dei dati raccolti

Lo studio ha valutato 1.380 campioni di 128 diversi prodotti alimentari provenienti da 19 Stati membri. Il campione, tuttavia, non è rappresentativo della grande diversità di prodotti alimentari sul mercato dell'UE. Lo studio ha rilevato che:

Nella maggior parte dei casi, la composizione corrispondeva al modo in cui i prodotti venivano presentati : il 23% dei prodotti aveva un identico front-of-pack e una composizione identica e il 27% dei prodotti segnalava la loro diversa composizione in diversi paesi dell'UE con un avviso sulla confezione.

Il 9% dei prodotti presentati come identico in tutta l'UE aveva invece una composizione diversa, nonostante il front-pack fosse identico.

Un altro 22% dei prodotti presentati in modo simile (front-pack simile) aveva una composizione diversa.

Non esiste un modello geografico coerente nell'uso della confezione identica o simile per prodotti con composizioni diverse. Inoltre, la differenza nella composizione riscontrata nei prodotti testati non costituisce necessariamente una differenza nella qualità del prodotto.

Il piano d’azione della Commissione

La Commissione europea ha portato avanti diverse iniziative e in particolare:

  • chiarire quando la doppia qualità dei prodotti è una pratica ingannevole attraverso la legislazione nell'ambito del New Deal per i consumatori recentemente approvato ;
  • stabilire una metodologia comune per la sperimentazione di prodotti alimentari;
  • emettere una serie di linee guida per aiutare le autorità nazionali ad applicare la legislazione UE sui consumatori e sugli alimenti;
  • dedicare oltre 4,5 milioni di euro per risolvere questo problema;
  • testare i prodotti in tutta l'UE con la stessa metodologia per ottenere una migliore comprensione della doppia qualità delle merci.
Stesso alimento, ingredienti diversi: una pratica ingannevole - Ultima modifica: 2019-06-25T10:00:35+00:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome