Trentinalatte torna a essere un marchio del made in Italy

    latte
    «L’acquisizione è una notizia di grande rilievo che rafforza la cooperazione agroalimentare nel suo ruolo di valorizzazione delle eccellenze del nostro made in Italy» affermano Maurizio Gardini, presidente di Alleanza Cooperative Italiane e Giorgio Mercuri, presidente Alleanza cooperative agroalimentari.

    «È tornata di proprietà italiana, grazie alla cooperativa sarda Latte Arborea, la società Trentinalatte, specializzata nella produzione di yogurt di alta qualità.

    In uno scenario in cui molto spesso brand anche prestigiosi del nostro agroalimentare vengono acquisiti da multinazionali e aziende straniere, l’acquisizione è sicuramente una notizia di grande rilievo che rafforza la cooperazione agroalimentare nel suo ruolo di valorizzazione autentica delle eccellenze e della qualità del nostro made in Italy».

    Così Maurizio Gardini, presidente di Alleanza Cooperative Italiane e Giorgio Mercuri, presidente Alleanza cooperative agroalimentari, commentano «con orgoglio e soddisfazione» l’intesa raggiunta dalla cooperativa Latte Arborea, uno dei primi produttori di latte a livello nazionale, con la holding finanziaria tedesca Livia per la cessione della Trentinolatte spa.

    L’azienda, fondata dalla famiglia Corradini nel 1982, era stata acquisita nel 2006 dalla multinazionale svizzera Emmi per poi essere rilevata rilevata nel 2014 dalla tedesca Livia.

    «L’operazione – aggiungono Gardini e Mercuri – è stata fatta in una regione come il Trentino Alto Adige in cui la cooperazione agroalimentare è uno dei modelli imprenditoriali più diffusi».

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome