Clementine, prezzi giù del 44%: «Servono aiuti ai produttori»

clementine
Andamento climatico e calo dei consumi hanno fatto crollare produzione e prezzi. Confagricoltura chiede misure nazionali per indennizzare i produttori

Per le clementine è crisi nera. Questo il bilancio tracciato da Confagricoltura per la campagna di commercializzazione dell’agrume - di cui la Calabria è il primo produttore nazionale - che terminerà con le varietà tardive a fine febbraio. Anche in Puglia la situazione è molto seria e i produttori registrano pesanti perdite.

Prima la siccità estiva ha favorito la crescita di calibri con piccole e medie dimensioni, poi le alte temperature di ottobre e novembre hanno penalizzato i consumi. Le piogge di fine novembre hanno compromesso la durata delle clementine, portando a una percentuale di scarti che ha toccato il 50-60% dei frutti. Soltanto nell’ultima settimana il prezzo medio è calato del 44% rispetto a quello dell’anno precedente. Confagricoltura stima una perdita del valore della produzione che supera 70 milioni di euro su un totale di oltre 170 milioni.

La preoccupazione per la tenuta del comparto è forte. “Le piogge persistenti e l’elevata umidità delle ultime settimane - sottolinea Confagricoltura - hanno continuato a compromettere qualità e conservazione dei frutti, favorendo lo sviluppo di marciumi, pregiudicando anche l’ultima fase della campagna, quella della commercializzazione di varietà tardive. Ma non solo: la crisi che ha investito le clementine si ripercuote su tutti gli agrumi”.

Calabria e Basilicata dichiarano lo stato di crisi

Confagricoltura è prontamente intervenuta per evidenziare alle istituzioni la profonda crisi del settore. La situazione richiede di mettere in campo, con rapidità, specifiche misure nazionali. Le gravi difficoltà delle imprese hanno spinto la Regione Calabria a deliberare lo stato di crisi del comparto, attivando le procedure per interventi straordinari di sostegno per le aziende. Seguirà la Basilicata su istanza proprio dell’Organizzazione degli imprenditori all’ultimo tavolo verde.

Per Confagricoltura occorre attivare subito un intervento straordinario analogo a quello concesso per le produzioni ortive di IV gamma e I gamma evoluta. Così come servono sgravi contributivi e previdenziali per il semestre gennaio/giugno 2021, sulla falsariga del provvedimento adottato con il Dl Rilancio.

 

 

PRODOTTO

 

PREZZO ALL’ORIGINE

(Dicembre 2020)

 

VARIAZIONE RISPETTO A NOVEMBRE 2020

 

VARIAZIONE RISPETTO A DICEMBRE 2019

Clementine 0,29 €/Kg -35,50% -38,80%
Limoni 0,61 €/Kg -27,20% -23,00%
Arance 0,36 €/Kg -13,90% -7,40%

Fonte: Elaborazione Confagricoltura su dati Ismea

 

Clementine, prezzi giù del 44%: «Servono aiuti ai produttori» - Ultima modifica: 2021-01-15T11:29:46+01:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome