Accordi Ue-Paesi Terzi, gli agrumi vanno considerati prodotti sensibili

    agrumi
    Così il Comitato misto che si è riunito il 25 aprile in Corsica. I rappresentanti di Francia, Italia, Portogallo e Spagna hanno parlato anche di prevenzione contro Citrus Black Spot e Falsa Cidia

    Negoziazioni commerciali tra Unione Europea e Paesi terzi e questioni fitosanitarie sono state al centro della riunione annuale del Gruppo di contatto degli agrumi del Comitato misto Ortofrutta Francia - Italia - Portogallo (al suo esordio) - Spagna, che si è tenuta il 25 aprile a San Giuliano, in Corsica.
    Le rappresentanze dei quattro Paesi - che insieme riuniscono la maggior parte della produzione agrumicola comunitaria - hanno analizzato i risultati della campagna 2018/19 e discusso dell’impatto degli accordi commerciali tra l’Unione Europea e i Paesi terzi.
    Su questo tema il Gruppo ha stabilito di redigere un documento per chiedere ai rispettivi Ministeri e in forma congiunta alla Commissione Europea che gli agrumi siano considerati “prodotti sensibili” nell’ambito della negoziazione degli accordi commerciali e che la Commissione valuti in modo preliminare l’impatto economico degli accordo con Paesi terzi sul mercato interno nel breve e medio periodo con specifiche indagini.

    Precauzioni contro Citrus Black Spot e Falsa Cidia

    Nell’ambito delle questioni fitosanitarie, che hanno occupato la seconda parte della riunione, il Gruppo ha evidenziato la necessità di prendere misure di prevenzione e di controllo per evitare l’entrata nella Ue di fitopatie che possono avere conseguenze nefaste per l’agrumicoltura europea, in particolare la Citrus Black Spot e la Falsa Cidia (Thaumatotibia Leucotreta).
    Per quanto riguarda la Citrus Black Spot degli agrumi, è opinione del Gruppo che la normativa comunitaria debba disciplinare la possibilità di una chiusura cautelare delle importazioni fino al superamento di un determinato livello di intercettazioni, come previsto dalla norma precedentemente in vigore. Allo stesso tempo deve essere garantita l’applicazione delle medesime precauzioni per la frutta destinata al consumo fresco e per quella destinata alla trasformazione.
    Per quanto riguarda la Falsa Cidia, il Gruppo ha espresso preoccupazioni per la norma comunitaria che prevede che siano gli stessi paesi esportatori a stabilire l’efficacia di trattamenti analoghi al Cold treatment, l’unico ad avere effetti scientificamente riconosciuti.
    In conclusione è stata manifestata la necessita di dotarsi di un documento condiviso finalizzato alla salvaguardia del settore agrumicolo europeo, indicando il Gruppo di contatto agrumi come tavolo di confronto comune a tutela degli interessi economici delle regioni agrumetate.
    I produttori portoghesi si sono offerti di ospitare la riunione del gruppo di contatto 2020 in Algarve, la principale zona di produzione del Paese.

    Accordi Ue-Paesi Terzi, gli agrumi vanno considerati prodotti sensibili - Ultima modifica: 2019-04-28T17:00:38+00:00 da Terra e Vita

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome