Home Ortofrutta Quattro aziende italiane in finale per il Fruit Logistica Innovation Award 2019

    Quattro aziende italiane in finale per il Fruit Logistica Innovation Award 2019

    Jingold Italia, Hortech, Roter Italia e Cti Food Tech sono in nomination per l’Innovation award di Fruit Logistica 2019, la kermesse internazionale berlinese in programma dal 6 all'8 febbraio 2019

    L'Oscar per l’innovazione di Fruit Logistica 2018 assegnato a Pook Coconut Chips dell'azienda tedesca PookSpaFoods
    I finalisti sono stati scelti da una giuria di esperti, ma il premio sarà deciso dai voti dei visitatori nei primi due giorni della fiera

    Sono italiane 4  delle 10 aziende che sono arrivate in finale per l’Innovation award di Fruit Logistica  2019 (Flia), la kermesse internazionale dell’ortofrutta, in programma a Berlino dal 6 all’8 febbraio 2019. Le 10 aziende sono state scelte da una giuria di esperti su 70 che si sono complessivamente candidate, ma a decretare la vincitrice saranno i visitatori nelle prime due giornate della fiera.

    Saranno proprio gli oltre 77mila visitatori provenienti da oltre 130 Paesi che potranno decretare  il 6 e 7 febbraio 2019  l’Innovation of the Year. La vetrina dei 10 finalisti sarà allestita nel passaggio tra i padiglioni 20 e 21. Ed è sempre in questa location che il venerdì 8 febbraio 2019, alle ore 14.30, verranno annunciati i vincitori.

    Madlen Miserius

    “Il Flia è  il premio più importante del settore ortofrutticolo. Saranno sotto i riflettori – ha spiegato Madlen Miserius, senior product manager di Fruit Logistica – nuovi prodotti, servizi o soluzioni tecniche che daranno un nuovo impulso all’intera industria del commercio ortofrutticolo, dalla produzione al punto di vendita.”

    Nell'edizione 2018 aveva vinto l'oscar dell'innovazione a Fruit Logistica “Pook Coconut Chips” il prodotto realizzato da PookSpaFoods, una start up tedesca nata nel 2016:  patatine croccanti preparate con cocco thailandese senza olio o grasso, disponibili con sale marino, sale marino al mango e sale marino al cioccolato.

    Ecco le novità presentate dalle 4 aziende italiane arrivate in finale quest'anno:

     

    “Avocado Pitter 300-AVC”, CTI Food Tech, Italia

    Una macchina brevettata per rimuovere il nocciolo dell’avocado. Trasporta fino a 300 frutti di avocado al minuto in un serbatoio speciale dove il frutto viene posizionato verticalmente. Un perno tiene il nocciolo ed il frutto viene tagliato a metà.

    „Modula“, Roter Italia

    Una macchina seminatrice elettronica, in cui elementi di piercing flessibili inseriscono il seme. Posiziona la quantità ottimale di semi nelle tracce del terreno. Questo standard di semina è adattato a diverse culture. L’attivazione o la disattivazione avviene direttamente da display.

    “Oriental Red® – Red Kiwifruit”, Jingold

    Originariamente dalla Cina, il kiwi rosso Dong-Hong ha proprietà organolettiche uniche ed un’eccellente durata. La loro dolcezza con 20 a 21 gradi Brix e il retrogusto esotico tropicale sono molto apprezzati.

    “Slide Valeriana Eco”, Hortech

    Una raccoglitrice elettrica per la valeriana con uno speciale sistema di trasporto a pettine per l’ottimizzazione del trasporto. Un raggio di sterzata di 75 gradi garantisce la massima qualità di taglio. Motori asincroni, alimentazione ed accumulo di carica parlano di sostenibilità ecologica.

     

     

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome

    Dalla stessa categoria

    La via della seta agricola

    Tra i 19 accordi firmati all’interno del memorandum d’intesa tra Cina e Italia, 3 riguardano il settore agricolo per l’esportazione di agrumi freschi, seme bovino e carne suina congelata. In via di definizione i protocolli per la carne bovina e il pollame. Langhe e Yunnan, gemellaggio tra territori tutelati dall’Unesco

    Aziende olivicole bio e Xylella, ‘conformi’ i trattamenti insetticidi obbligatori

    Il V Convegno Biol su “Xylella e olivicoltura biologica”, organizzato a Bari in occasione della 24ª edizione del Premio internazionale Biol, ha fatto chiarezza su una importante questione riguardante gli olivicoltori biologici operanti nella zona di contenimento e nella zona cuscinetto
    tignola della patata

    Sì alle trappole con feromoni contro la tignola della patata

    Sono notevoli i danni provocati, anche nell'ultima annata, da Phthorimaea opercurella spesso in prossimità della raccolta. e i residui colturali lasciati in campo assicurano un elevato potenziale d'inoculo per l'annata che sta per iniziare. La soluzione per essere tempestivi nella difesa c'è: tra marzo e aprile occorre installare le trappole a feromone deve avvenire in

    Soia, sperimentare e diversificare con l’agricoltura di precisione

    Il percorso della ventisettenne veronese Debora Turazza, che ha puntato sulla coltivazione bio e l'utilizzo della precision farming per risparmiare ed evitare sovrapposizioni d’intervento

    Contro il corineo delle drupacee meno azoto e più potatura

    I danni più pesanti in questo periodo sono su albicocco. La prevenzione agisce sulla riduzione di fertilizzazioni e apporti idrici
    css.php