Cambia l’architettura Ue, gli effetti sulla Pac

Con il rinnovo delle posizioni chiave, riparte anche il dibattito sulla Politica agricola comune

L’Unione europea ha recentemente rinnovato tutte le sue cariche istituzionali (leggi qui e qui). Questa fase politica è normalmente prevista, ogni 5 anni, dopo le elezioni del Parlamento europeo.

Questo importante passaggio istituzionale era molto atteso per superare le numerose incertezze politiche europee.

La nomina dei vertici europei rende più certo il percorso della nuova programmazione delle politiche europee 2021-2027, tra cui la Pac.

Articolo pubblicato sulla rubrica “La Pac sotto la lente” di Terra e Vita

Abbonati e accedi all’edicola digitale

Le nuove cariche istituzionali

Dopo le elezioni del Parlamento europeo, ogni 5 anni, l’Unione europea deve rinnovare le sue 5 cariche più importanti:

  •  il Presidente del Parlamento europeo;
  •  il Presidente del Consiglio europeo;
  •  il Presidente della Commissione europea;
  •  l’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza;
  •  il Presidente della Banca centrale europea.

La nomina di queste 5 cariche è una fase politica molto complessa perché deve tener conto di tanti fattori:

  •  i partiti politici europei e la possibile maggioranza in seno al Parlamento europeo;
  •  la rappresentatività tra gli Stati membri;
  •  la qualità dei candidati.

Il Consiglio europeo del 2 luglio 2019 ha eletto le cariche di sua competenza, dopo tre diverse riunioni, di cui l’ultima durata tre giorni. Il giorno successivo, il 3 luglio 2019, il Parlamento europeo ha eletto il suo Presidente.

Presidente Consiglio europeo Charles Michel

Charles Michel (Liberale - Belgio)

Il Consiglio europeo ha eletto il belga Charles Michel presidente del Consiglio europeo, per il periodo dal 1º dicembre 2019 al 31 maggio 2022. Il suo mandato, di due anni e mezzo, è rinnovabile una volta.

Charles Michel assumerà l’incarico il 1º dicembre 2019, allo scadere del mandato di Donald Tusk, attuale presidente del Consiglio europeo.

Il Consiglio europeo ha altresì accolto con favore la decisione dei capi di Stato o di governo degli Stati membri la cui moneta è l’euro, di nominare Charles Michel presidente dell’Eurogruppo per un mandato della stessa durata. Charles Michel è un politico belga, primo ministro del Belgio dall’11 ottobre 2014, appartenente al gruppo politico dei Liberali.

Presidente Commissione europea Ursula von der Leyen

Ursula von der Leyen (Partito Popolare Europeo - Germania)

Il Consiglio europeo del 2 luglio ha nominato la tedesca Ursula von der Leyen per la carica di presidente della Commissione europea. Sarà la quattordicesima persona e la prima donna ad assumere quell’incarico. La nomina, in realtà, è una proposta poiché la candidata dovrà essere eletta dal Parlamento europeo a maggioranza dei membri.

Ursula von der Leyen – se verrà confermata dal Parlamento – assumerà l’incarico il 1º novembre 2019, allo scadere del mandato di Jean-Claude Juncker, attuale presidente della Commissione europea.

Ursula von der Leyen è una politica tedesca, Ministro della difesa dal dicembre 2013, membro della Cdu (Unione cristiano democratica) ed espressione del gruppo politico del Ppe (Partito popolare europeo).

Rappresentante politica estera Josep Borrell Fontelles

Josep Borrell Fontelles (Socialista - Spagna)

Il Consiglio europeo ha inoltre proposto lo spagnolo Josep Borrell Fontelles quale candidato per la carica di alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza. La nomina formale dell’alto rappresentante da parte del Consiglio europeo necessita dell’accordo della neoeletta presidente della Commissione.

L’alto rappresentante e gli altri membri della Commissione saranno soggetti, collettivamente, a un voto di approvazione del Parlamento europeo, prima della nomina formale da parte del Consiglio europeo. Il loro mandato durerà cinque anni a decorrere dal 1° novembre 2019 al 31 ottobre 2024. Josep Borrell Fontelles è un politico spagnolo, catalano e contro l’indipendenza della Catalogna, appartenente al gruppo politico dei Socialisti.

Presidente Banca centrale europea Christine Lagarde

Christine Lagarde (Francia)

Il Consiglio europeo inoltre ha proposto la francese Christine Lagarde per la carica di presidente della Banca centrale europea (Bce). Il Consiglio europeo adotterà una decisione formale relativa alla nomina sulla base di una raccomandazione del Consiglio, dopo aver consultato il Parlamento europeo e il consiglio direttivo della BCE.

Il mandato di presidente della Banca centrale europea ha una durata di otto anni e non è rinnovabile. Christine Lagarde, se verrà confermata dal Parlamento europeo prenderà il posto di Mario Draghi (italiano).

Presidente Parlamento europeo David Sassoli

David Maria Sassoli

Il 3 luglio 2019, David Sassoli, italiano, ex giornalista e oggi politico del Partito Democratico, è stato eletto nuovo presidente del Parlamento Europeo. È stato votato da una maggioranza trasversale che comprende Socialisti, Popolari, Liberali: in tutto ha ottenuto 345 voti, quando la maggioranza necessaria era a quota 334 su 667 voti validi.

Il mandato di presidente del Parlamento europeo ha una durata di cinque anni.

David Sassoli succede ad un altro italiano, Antonio Tajani del Partito Popolare Europeo.

I tempi della riforma della Pac

La nomina dei vertici europei ha avviato un processo politico che si concluderà il 31 ottobre 2019, con la nomina della nuova Commissione europea. Per il settore agricolo, sarà molto importante la nomina del commissario all’Agricoltura e allo Sviluppo Rurale; attualmente questa carica è occupata dall’irlandese Phil Hogan, che potrebbe anche essere riconfermato.

L’insediamento del Parlamento europeo e delle altre Istituzioni europee rende possibile la ripresa del dibattito sulla nuova Pac 2021-2027. Ormai è certo che non ci sono i tempi tecnici per l’avvio della nuova Pac con il 1° gennaio 2021. Con molta probabilità, l’avvio della nuova Pac verrà procrastinato al 1° gennaio 2022. A tal fine dovrà essere stabilito un periodo transitorio per il mantenimento dei programmi di aiuto attuali fino all’approvazione della nuova Pac. L’obiettivo è garantire la continuità pagamenti per gli agricoltori.

tab. 1 I semestri di Presidenza Ue
Anno Primo semestre Secondo semestre
2019 Romania Finlandia
2020 Croazia Germania

 


Chi prende le decisioni nell’Unione europea?

Le decisioni a livello di Unione europea vengono prese da diverse istituzioni dell’Ue, ossia:

  • il Parlamento europeo, che rappresenta i cittadini dell’Ue ed è eletto direttamente da essi;
  • il Consiglio europeo, che è costituito dai capi di Stato o di governo degli Stati membri dell’Ue;
  • il Consiglio dell’Unione europea, che rappresenta gli interessi generali dell’Unione.

Il Consiglio europeo, chiamato anche Vertice europeo, definisce le priorità e gli orientamenti politici generali dell’Ue, senza tuttavia esercitare funzioni legislative. Il Consiglio europeo ha un presidente permanente, attualmente Donald Tusk, che lascerà il posto, da 1° dicembre 2019, a Charles Michel.

Il Consiglio dell’Unione europea, cui partecipa un ministro di ciascun Stato membro, ha una configurazione diversa in base alla materia in discussione. Se, per esempio, se il Consiglio deve discutere di questioni agricole, alla riunione partecipa il ministro dell’Agricoltura di ciascun paese dell’Ue e la riunione prende il nome di “Consiglio Agricoltura”; lo stesso vale per il “Consiglio Affari economici e finanziari” o per il “Consiglio Ambiente” e così via.

La presidenza del Consiglio viene assunta a turno dagli Stati membri per un periodo di sei mesi. Attualmente la presidenza è affidata alla Finlandia (tab. 1).

In generale, è la Commissione europea a proporre nuove leggi, che sono quindi adottate dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell’Ue.

Gli Stati membri e la Commissione provvedono poi ad attuare tali nuove leggi.

Cambia l’architettura Ue, gli effetti sulla Pac - Ultima modifica: 2019-07-15T08:30:14+00:00 da K4

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome