Cereali. Prezzi nazionali del 14 dicembre

prezzi dei cereali frumento tenero 14 dicembre 2017 terra e vita
Cereali: frumento tenero, frumento duro, mais, cereali foraggeri e oleaginose.

FRUMENTO TENERO

Sulle piazze l’origine Italia si mantiene sulle posizioni di prezzo della scorsa settimana con livello di scambi limitato e disponibilità che si riduce solo per i “misti”. La domanda è presente ma a fronte di una offerta più che sufficiente, lo scenario resta stagnante tranne che per i “misti” e le origini extra EU che si mantengono ben tenuti ed ancora in aumento. L’effetto della domanda zootecnica resta il fattore rialzista per i “misti” mentre le dinamiche mondiali e l’euro in lieve flessione fanno aumentare gli “spring”. Sulle borse del Nord tutto invariato con i “misti” reso destino a 197-202 €/t, il “tipo Bologna” a 224 €/t e i “bianchi” sui 202 €/t. Stabili anche i grani comunitari di forza a 230 €/t arrivo, mentre gli “spring” USA salgono a 275 €/t (+5) e i canadesi a 285 €/t (+15).

 

prezzi dei cereali frumento duro 14 dicembre 2017 terra e vita

FRUMENTO DURO

Scambi a livello locale limitati al completamento delle coperture con maggiore pressione da parte delle alternative comunitarie per lotti con qualità “generica”. La situazione vede gli operatori ben coperti fino a primavera, una sostanziale conferma delle superfici di semina e, ad oggi, assenza di turbative di mercato che possano cambiare gli equilibri sulle borse merci nazionali. Si torna a parlare di esportazione, ma, ad oggi, le quotazioni sono invaiate con il nazionale “tipo Fino con 13% proteina” a 230-235 €/t reso molino ed i buoni-mercantili a sconto di 10 €/t e 20 €/t base specifiche di vendita. Le alternative comunitarie ed estere (Mar Nero) a valori aggressivi in linea con qualità e prezzi dell’origine nazionale.

 

prezzi dei cereali mais 14 dicembre 2017 terra e vita

MAIS

Sulle nostre piazze si riflette il momento di debolezza dei mercati comunitari ed esteri con sostanziale tenuta pre-Natalizia, in regime di scambi limitati, dell’origine Italia anche in presenza di ampia disponibilità di prodotto da origine alternative sul gennaio-luglio 2018 e oltre. La domanda zootecnica si è in parte orientata verso i cereali a paglia e sulle borse merci non si registrano variazioni con il mais nazionale “generico” attorno ai 178 €/t arrivo e quello “con caratteristiche” a premio di 4-5 €/t; i comunitari “con caratteristiche” (causa problemi logistici a supporto) allineati al nazionale e gli esteri arrivo tra i 177 e i 187 €/t.

 

prezzi dei cereali foraggere e oleaginose 14 dicembre 2017 e vita

CEREALI FORAGGERI E OLEAGINOSE

Cereali foraggeri: con gli utilizzatori ormai coperti, è calma per gli orzi che si confermano sui 176-180 €/t reso destino. Per maggiore interesse (a capito del mais) si rafforzano i teneri di un ulteriore +1 €/t per un prezzo arrivo di 196-197 €/t e il sorgo bianco che sale di 2 €/t per un oltre 180 €/t reso.

Oleaginose: con la soia estera in sensibile calo di un 10 €/t, per un arrivo sui 373-375 €/t, anche l’origine nazionale perde un 3-4 €/t per una quotazione partenza tra i 385 €/t e i 387 €/t.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome