Cicoria e castagne in evidenza, Cachi e radicchio a terra

cicoria
Nonostante le oscillazioni, i prezzi dei principali prodotti ortofrutticoli restano più alti rispetto alla media del periodo

Cachi in calo ma va meglio di un anno fa

Nel pieno della campagna, i cachi evidenziano quantitativi sufficienti a soddisfare la domanda, fattore che ha influito negativamente sui prezzi che però restano su livelli superiori rispetto l’anno precedente. Nonostante le temperature superiori alla media del periodo i cachi risultano al momento il prodotto più richiesto.

Carote stabiliterra e vita

Non si registrano particolari variazioni per le quotazioni delle carote, che nel complesso mantengono un divario annuo ampiamente positivo.

Castagne, prezzi in lieve aumentoTerra e Vita

Entra nel vivo la campagna delle castagne con l’ingresso di diversi calibri e delle partite sterilizzate, quest’ultime con una qualità più elevata in quanto non soggette al deperimento del prodotto causato da parassiti, il che ne aumenta la shelf-life. Il rialzo dei prezzi è da attribuire ai quantitativi inferiori determinato dall’estate torrida e assenza di pioggia.

Cavoli broccoli, dalle stelle alle stalle

Dopo l'aumento a doppia cifra della scorsa settimana cedono il passo i cavoli broccoli che tuttavia chiudono la settimana all’insegna di un calo della disponibilità, fattore che probabilmente causerà un rialzo delle quotazioni nelle prossime giornate anche grazie ad una crescita della domanda.

Cicoria, quotazioni in rialzoTerra e Vita

Si registra un aumento della domanda in questa settimana per le cicorie a fronte di una diponibilità non abbondante legata all’inizio della raccolta. I prezzi rientrano nella media del periodo. Da segnalare come la varietà a puntarelle non sia entrata in tutti i mercati.

Pere senza variazioniterra e vita

Prezzi perlopiù stabili per le pere su livelli elevati per effetto dei quantitativi molto bassi, complice i fattori climatici e patologici che hanno colpito le colture. Il prodotto di importazione non suscita interesse da parte dei consumatori a causa della qualità bassa, fattore che contribuisce a mantenere le quotazioni delle pere nazionali su altissimi livelli.

Radicchio, continua il periodo no

Alti i quantitativi disponibili per i radicchi che vedono l’ingresso del prodotto in serra proveniente da diverse regioni. Si assiste ai primi arrivi di radicchio tardivo con quotazioni molto alte ma che restano nella media del periodo. La campagna non si è in effetti ancora del tutto avviata ma la domanda da parte dei ristoranti resta elevata.

Susine, solo piccole variazioniterra e vita

I prezzi delle susine non manifestano variazioni particolari, eccezione fatta la piazza di Torino dove c’è un leggero aumento per le varietà Black. La domanda si attesta su livelli medi del periodo.

Uva da tavola, valori congelatiterra e vita

Diminuiscono le varietà di uva con maggiore presenza di Italia e rosata Red Globe. I prezzi si attestano superiori alla media del periodo con bassa disponibilità di prodotto extra anche a causa delle quotazioni alte del prodotto in campo.

Zucche, listini tranquilliterra e vita

Prodotto tipicamente autunnale molto richiesto, la zucca non registra variazione delle quotazioni con una domanda su livelli normali. Degno di nota la particolare elevata presenza e richiesta di zucche ornamentali destinata alle decorazioni per la festa di Halloween.

Zucchine, domanda scarsa

Ancora in calo i prezzi delle zucchine con una domanda bassa a fronte di una buona disponibilità di prodotto coltivato principalmente in serra. Le quotazioni si attestano su livelli inferiori alla media del periodo.

Leggi i prezzi dei prodotti ortofrutticoli del 25 ottobre 2021

Cicoria e castagne in evidenza, Cachi e radicchio a terra - Ultima modifica: 2021-10-26T14:57:29+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome