Frutta estiva, il clima non fa decollare i consumi e i prezzi ne risentono

prezzi dei prodotti ortofrutticoli del 15 giugno
Piogge e temperature sotto la media del periodo non favoriscono il consumo della tipica frutta estiva come angurie e meloni. Problemi anche per pesche e nettarine. Zucchine depresse da un'offerta abbondante, tengono pomodori e cipolle

Albicocche in calo

Si registrano lievi cali di prezzo per le albicocche, con quotazioni che si mantengono comunque superiori allo stesso periodo dello scorso anno. Il prodotto è presente in maniera più esigua nei mercati per via delle gelate primaverili che hanno determinato una produzione più scarsa. Si segnala l’arrivo delle prime partite di Orange Ruby, di buona qualità.

Angurie, la domanda fiacca deprime i prezzi

Prosegue il calo delle quotazioni per le angurie, complice principalmente una flessione della domanda (dovuto alle basse temperature e alle precipitazioni) che ha interessato tutta la frutta estiva, tipicamente poco consumata in condizioni climatiche simili. Sono presenti produzioni nazionali, sia dal sud sia dal nord Italia, e greche. Minori cali sono stati registrati per l’anguria baby.

Ciliegie, qualità scarsa, valori giù

Freccia in calo anche per le ciliegie, determinata in parte da un minor livello della domanda e in parte dall’arrivo di partite danneggiate dalla pioggia. Nei mercati è presente prettamente produzione nazionale mentre risulta contenuta la disponibilità di prodotto spagnolo, anch’esso soggetto a danni da maltempo.

Cipolle stabiliterra e vita

Si mantengono stabili i prezzi delle cipolle, sia fresche che secche. In alcuni mercati sono già presenti le cipolle rosse di Tropea IGP secche. Da notare che la maggior parte del prodotto secco è di provenienza olandese e messicano.

Meloni, il clima non accende i consumi

Anche per i meloni si osserva una situazione di generale e consistente calo delle quotazioni. In particolare, le produzioni sono sostenute ed il livello della qualità è piuttosto alto per il periodo, ma l’andamento climatico piovoso e le basse temperature non sono favorevoli per la commercializzazione di questi prodotti. Presenti nei mercati anche le produzioni lombarde e delle zone vocate del settentrione.

Pesche e Nettarine, listini fiacchi

Cali consistenti per pesche e nettarine, per via delle gelate primaverili e delle piogge che hanno colpito gli impianti produttivi, specie nel settentrione. Andamento che è emerso anche per il prodotto spagnolo. Su base tendenziale, le quotazioni si mantengono su livelli superiori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Vale la pena di osservare che anche pesche e nettarine sono colpite dal calo di domanda determinato, durante l’ultima settimana, dal maltempo.

Pomodori, quotazioni invariateterra e vita

Per i pomodori si osserva, invece, una situazione di stabilità su livelli in linea con quelli di dodici mesi fa. Buona qualità per tutti i pomodori piccoli e per i pomodori verdi. Sono inoltre presenti nei mercati i primi pomodori da sugo (tipo San Marzano).

Zucchine, offerta abbondante

La maggiore disponibilità di zucchine ha determinato un ulteriore calo dei prezzi. Ottima qualità per le produzioni laziali, campane e di Fondi.

Leggi i prezzi dei prodotti ortofrutticoli del 15 giugno 2020

Frutta estiva, il clima non fa decollare i consumi e i prezzi ne risentono - Ultima modifica: 2020-06-16T15:11:46+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome