Fiammata per il grano duro, tenero attendista. In rialzo mais e soia

tendenze di mercato dei cereali del 18 giugno 2020
Le stime di rese in calo per la nuova campagna fanno impennare le quotazioni del grano duro che a Foggia hanno aperto con un +8% rispetto all'ultima quotazione di inizio giugno. Stabile in grano tenero in attesa del nuovo raccolto

grafico delle tendenze di mercato del grano tenero al 18 giugno 2020

Grano tenero, attesa per il nuovo raccolto

Italiaterra e vita

Il clima temporalesco e l’imminente inizio della raccolta, suggeriscono cautela nell’indicare le quotazioni di riapertura. Al momento sul mercato prevale la serena attesa, stante una situazione di scambio senza eccessi (nonostante la ripresa post covid-19) e un’evoluzione agro-climatica ancora positiva con previsione di raccolto appena sotto i 3 mln/t. Le coperture dei molini ci sono e l’interesse è per forniture da dopo l’estate fino a inizio 2021. Sull’Ager non si quota, ma la sensazione è per un mercato che riaprirà in linea con Milano oggi leggermente calante per un “tipo Bologna” arrivo sui 218-220 €/t, con i panificabili superiori a meno 8 €/t e i “misti” a meno 15 €/t; Comunitari e “spring” pressoché invariati.

 

grafico delle tendenze di mercato del grano duro al 18 giugno 2020

Grano duro, rese in calo, i prezzi si "infiammano"

ItaliaTerra e Vita

Il progredire della trebbiatura al Sud conferma rese/ha decisamente inferiori alle stime primaverili con l’aggravante psicologica dei temporali estivi che ostacolano la raccolta. La situazione si combina con la nota scarsità di volumi di “nazionale” a riporto a nuova campagna, infiammando la prima quotazione di Foggia che apre con un più 8% rispetto all’ultima quotazione di inizio mese. Se si considera che anche al Centro-Nord il clima è incerto e restano i dubbi su rese/ha inferiori allo storico, la situazione “Italia” si conferma complessa. L’offerta locale è attendista e gli operatori molto cauti. A Foggia il “Fino” apre sui 325 €/t con i mercantili a sconto di rispettivamente 10 €/t e 20 €/t; Ager Bologna e Granaria Milano non quotano ancora e i Comunitari ed esteri restano ben tenuti.

 

grafico delle tendenze di mercato del mais al 18 giugno 2020

Mais, quotazioni in ripresa

ItaliaTerra e Vita

Le vicissitudini dei cereali a paglia si uniscono agli attuali segnali di tensione internazionali per il mais, suggerendo agli operatori una maggiore copertura sul pronto. Sulle Borse il dato si concretizza con un generalizzato incremento delle quotazioni, in attesa che si definisca meglio lo scenario di nuova campagna; temporali e temperature notturne fresche confermano un raccolto 2020 sui 5,8 mln/t. Prezzi in ripresa di 2 €/t, con il mais “con caratteristiche” a 185-188 €/t e il “generico” sui 182 €/t; origini Comunitarie + 3 €/t ed estere + 4 €/t.

 

grafico delle tendenze di mercato dei cereali foraggeri e oleaginose al 18 giugno 2020

Cereali foraggeri e oleaginose, sale la soia

Italiaterra e vita

Cereali foraggeri: continua la raccolta degli orzi con qualità nelle attese ma quotazioni in lieve calo su Milano (Bologna NQ); teneri senza variazioni di rilievo: tenero sui 193 €/t (MI) con Ager sui 200-205 €/t; l’orzo pesante nominale sui 170 €/t e il sorgo a 186 €/t. Oleaginose: soia sostenuta dalla tendenza internazionale. La nazionale in ripresa di +2 €/t su Milano per un valore di 395 €/t arrivo; la soia estera stabile sui 355 €/t reso destino.

 

Fiammata per il grano duro, tenero attendista. In rialzo mais e soia - Ultima modifica: 2020-06-19T17:26:31+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome