Il grano duro sale e trascina con sé il mais. Bene la soia, tenero in attesa

grano duro
Le previsioni di rese in calo fanno impennare i prezzi del grano duro che influenzano anche quelli del mais. Grano tenero non quotato in attesa del nuovo raccolto. Soia in recupero

 

Grano tenero, si miete poi si quota

Italia NQ

 

 

Procede la raccolta al Nord con buoni riscontri a livello di rese/ha e qualità merceologica; unica differenza sul 2019 il tenore proteico, che nei primi tagli risulta inferiore di 0,5-1,0% e le caratteristiche reologiche ancora tutte da verificare. La domanda torna gradualmente alla normalità pre Covid-19 anche se i consumi non decollano; gli scambi sul breve-medio termine si rivitalizzano anche se con cautela. La produzione si conferma sui 3 mln/t, ma per i prezzi le Borse non quotano ancora e bisognerà attende la prossima settimana. Nominalmente le quotazioni tengono con il “tipo Bologna” reso destino sui 218 €/t, i panificabili superiori sui 210 €/t e i “misti” sui 200 €/t; Comunitari NQ e “spring” in calo di 2 €/t.

 

grafico tendenze grano duro 2020-06-25

Grano duro, prezzi in ascesa

ItaliaTerra e Vita

Prosegue la raccolta al Sud e è imminente l’inizio anche al Centro-Nord. Le notizie che giungono dal Sud non sono rassicuranti per rese/ha e specifiche merceologiche variabili tra zona e zona; l’effetto sui mercati è sostanziale con ulteriore rincaro dei prezzi e rivalutazione dell’invenduto 2019. I molini premono per assicurarsi le coperture necessarie sia a livello nazionale che Comunitario ed estero, ma in regime di incertezza e quotazioni al rialzo, gli scambi restano sporadici. Al Nord (Bologna e Milano) non si quota, attendendo (con celato ottimismo) i primi responsi dai campi. A Foggia il “Fino” sale a 335 €/t (+10) con i mercantili a sconto di rispettivamente 10 €/t e 20 €/t; Comunitari ed esteri “milling” ben tenuti.

 

grafico tendenze mais 2020-06-25

Mais "spinto" dal grano

ItaliaTerra e Vita

L’evoluzione dei mercati del grano, la limitata offerta sul pronto (anche di “any origin”) e una domanda ben presente, sostengono il mercato maidicolo. L’evoluzione colturale del nuovo raccolto procede bene, anche se sarà importante l’apporto idrico delle prossime settimane, con prospettive di resa/ha nella media e una produzione di poco inferiore ai 6 mln/t. L’offerta Comunitaria sull’agosto-dicembre e gennaio-marzo 2021 quota allineata al nazionale; sul pronto il mais “con caratteristiche” a 185-186 €/t (+1) e il “generico” sui 182 €/t; origini Comunitarie ed estere + 2 €/t.

 

grafico tendenze cereali foraggeri e oleaginose 2020-06-25

Cereali foraggeri e oleaginose

Italiaterra e vita

Cereali foraggeri: con l’arrivo dei nuovi raccolti di orzo e tenero, nel complesso buoni, si ridefiniscono i prezzi arrivo: l’orzo pesante apre a 161 €/t (-4 su inizio giugno), il tenero su Ager si riposiziona sui 192 €/t (-14) con Milano NQ, e il sorgo sale oltre quota 190 €/t (+2). Oleaginose: la soia nazionale, quotata solo a Milano, recupera 4-7 €/t e vale arrivo oltre i 402 €/t, con l’estera a sensibile conto sui 360 €/t (+4) reso destino.

Il grano duro sale e trascina con sé il mais. Bene la soia, tenero in attesa - Ultima modifica: 2020-06-29T10:24:17+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome