La soia estera perde terreno. Cereali foraggeri, torna la stabilità

various type of cereals and grains against white wood background
Torna la calma sui listini delle principali materie prime zootecniche. La soia estera cede oltre 30 euro alla tonnellata, in calo anche tutte le farine proteiche. Frenano mais e grani

La terza settimana di maggio ha messo in evidenza diffusi ribassi per i prezzi della soia di provenienza estera quotata nei listini delle Borse Merci nazionali, complici i cali registrati sulle principali piazze internazionali, Chicago in primis, e l’indebolimento dell’euro nei confronti del dollaro. Forte contrazione si è rilevata anche per le farine di soia che interrompono così la fase di aumento in atto da aprile. Poche variazioni nei listini della farina di girasole e della farina di colza. Torna invece la stabilità per i cereali foraggeri, in un mercato che ha registrato anche la frenata del prezzo del mais dopo i prolungati rialzi delle settimane precedenti.

Soia, si raffreddano i listini di quella estera

I prezzi dei semi di soia di provenienza estera hanno accusato un forte ribasso settimanale. Alla Borsa Merci di Bologna il calo è stato di 35 €/t, con i prezzi scivolati sui 535 €/t (franco arrivo). Rimane comunque ampia la crescita rispetto allo scorso anno, di poco inferiore al +50%. Un lieve cedimento si è osservato per la soia nazionale non Ogm (-5 €/t), scesa a Bologna sotto i 700 €/t (franco partenza) ma ormai non quotata su diverse piazze di scambio del Nord Italia date le ridotte disponibilità. Come detto, la settimana è stata caratterizzata da una netta contrazione delle quotazioni della soia sulle piazze internazionali. Alla Borsa di Chicago, dove sui ribassi hanno pesato le vendite dei fondi di investimento, le quotazioni dei futurs sono tornate ampiamente sotto i 16 $/bushel. Cali marcati anche per le quotazioni spot della soia brasiliana (-42 $/t, 553 $/t, fob Paranaguà) e argentina (-37 $/t, 545 $/t, fob Up River), entrambe tornate ai minimi delle ultime quattro settimane.

 

 

Farine, stabili girasole e colza

Dopo i rialzi rilevati nelle settimane precedenti, i listini della farina di soia hanno accusato un pesante calo in tutte le principali Borse Merci nazionali, sulla scia della flessione osservata sulle piazze estere, a cominciare dalla Borsa di Chicago dove le quotazioni hanno chiuso la settimana riportandosi al di sotto dei 400 $/t, cedendo il 6% su base settimanale. Alla Borsa Merci di Bologna i prezzi all’ingrosso della farina proteica estera hanno perso 45 €/t, attestandosi sui 420 €/t ma mantenendo ancora un incremento del 27% rispetto ad un anno fa.

Poche variazioni, invece, nei listini all’ingrosso della farina di girasole e della farina di colza. I prezzi attuali rimangono però in forte crescita rispetto ad un anno fa, con aumenti sulla piazza di Milano del 41% per la farina di girasole e del +33% per la farina di colza.

Frena il mais, i grani "vedono" il nuovo raccolto

Torna la stabilità nel mercato dei cereali foraggeri, complice l’approssimarsi dei nuovi raccolti di orzo e grano tenero e la frenata dei prezzi del mais. Per quanto riguarda l’orzo nazionale, prevalgono ormai i “non quotato” nei listini delle Borse Merci nazionali. Circa il nuovo raccolto, le ultime stime del Coceral prevedono per l’Italia una produzione di 886mila tonnellate, in calo di circa 100mila tonnellate rispetto allo scorso anno. Disponibilità ormai ridotte anche per il sorgo nazionale, che ha registrato un leggero incremento settimanale (+2 €/t) alla Borsa Merci di Bologna. Sia l’orzo che il sorgo si avviano a chiudere l’attuale annata con rialzi del 40% circa rispetto alla precedente. Stabili anche i prezzi del grano tenero foraggero, fermi a ridosso dei 245 €/t (franco arrivo, Granaria di Milano).

I prezzi dei cereali e delle materie prime nella settimana dal 17 al 22 maggio 2021

La soia estera perde terreno. Cereali foraggeri, torna la stabilità - Ultima modifica: 2021-05-24T15:06:27+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome