I prezzi dei prodotti agricoli di Ismea per Terra e Vita 15 gennaio

suini prodotti agricoli
In collaborazione con Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare).

Tutti i prezzi dei prodotti agricoli rilevati, e commentati, da Ismea sulle principali piazze italiane nell’ultima settimana.

Animali vivi, carni fresche, cereali e derivati, derivati di colture industriali, foraggi e alimenti per il bestiame, latte e derivati, oli e grassi vegetali, semi oleosi, uova fresche e in guscio, vini.

 

AVICUNICOLI

Settimana difficile per le quotazioni del mercato avicunicolo, caratterizzato da un calo generale dei listini sia sul vivo che sul macellato; prezzi stabili per i polli eviscerati ma il calo dei prodotti derivati, cosce e busti, trascina verso il basso l’intero comparto. Scendono sensibilmente anche le quotazioni di galline, conigli, tacchini e faraone. In calo anche il comparto delle uova, dopo i notevoli rialzi dovuti alla penuria di prodotto in conseguenza dei problemi riscontrati negli allevamenti di galline ovaiole. Prospettive di ulteriori flessioni stagionali.

BOVINI

Si mantiene ancora scarsamente vivace il mercato bovino nelle zone di rilevazione. A Padova, dopo due settimane di chiusura, la commissione ha segnalato un rialzo per i vitelli da ristallo, maschi e femmine, e aggiustamenti al ribasso per i baliotti. In calo le vacche da macello a Cuneo, invariate le altre voci a listino. La situazione rimane immutata per il mercato dei tagli.

CASEARIO

Non accenna a stabilizzarsi la quotazione dello zangolato e del burro, in costante calo sulla gran parte dei Centri di contrattazione. Nello specifico sulle piazze di Parma e Reggio Emilia lo zangolato ha raggiunto quota 1,95 €/kg, con una diminuzione di 15 centesimi, mentre a Mantova i listini toccano i 2,15 €/kg, il cui calo di 40 centesimi è il risultato della non quotazione per chiusura del mercato del 4 gennaio scorso. Gli scambi per il momento, sono giudicati ancora nella norma dalla maggior parte degli operatori. Anche le altre tipologie di burro accusano flessioni, come il burro Cee quotato sia a Milano che Mantova 3,85 €/kg. Per i formaggi grana a denominazione l’andamento della settimana risulta pressoché stazionario e le sole variazioni si registrano sempre a Mantova dove il Grana Padano risulta in calo di 5 centesimi nei valori minimi. Sempre a Mantova il Parmigiano Reggiano recupera 5 centesimi per tutte le produzioni, sempre in relazione alla mancata quotazione del giorno 4 gennaio. Inoltre viene introdotta, come per le piazze emiliane, la quotazione della produzione 30 mesi. Si segnalano recuperi di 5 centesimi per tutte le varietà anche a Milano.

CEREALI

Nella seconda rilevazione dell’anno i listini del frumento duro nazionale hanno registrato lievi incrementi in tutte le principali piazze di riferimento, in un contesto di mercato comunque scarsamente dinamico. A titolo di esempio la categoria fino è aumentata di 2,5 €/t a Milano e di 2 €/t a Bologna; occorrerà comunque attendere i prossimi giorni per sapere se l’attuale dinamica commerciale sarà confermata. Le quotazioni del tenero sono rimaste ferme sui valori antecedenti alle chiusure natalizie, prezzi poco mossi anche per tutti i cereali ad uso prevalentemente zootecnico. Sulla scia dell’andamento osservato nei più importanti mercati internazionali i listini della soia italiana sono risultati in calo in tutti i centri di scambio del paese.

SUINI

Trend ancora positivo per il comparto dei suini da allevamento, che segnano recuperi su tutte le piazze fino alla taglia dei 50 kg, mentre cedono le quotazioni dei magroni di 80/100 kg, trascinati dall’andamento in calo dei suini grassi. Anche la rilevazione della CUN mantiene per la prossima settimana andamento analogo sugli scambi. Per i suini grassi la settimana di piena commercializzazione dopo le festività, si è rivelata pesante, come statisticamente succede, con cali decisi su tutte le piazze e la quotazione media che scende di 4 centesimi rispetto alla settimana scorsa, fino a 1,55 €/kg. Le contrattazioni dei tagli alla Borsa di Modena sono risultate pesanti, con cali significativi per lombi, pancette, coppe, gole e trito. Anche per la prossima settimana dovrebbe essere confermato questo andamento.

 

Scarica i prezzi dei prodotti agricoli del 15 gennaio

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome