Cereali, “guerra di posizione” tra domanda e offerta

grano duro
Ancora una settimana di "bonaccia" per i listini di grano duro, tenero e mais, che restano su livelli molto alti. Anche i cereali foraggeri mantengono le posizioni

Grano tenero, stabilità confermata

 Italiagrano duro

Terza settimana di quotazioni pressoché invariate sulle Borse merci confermano che il mercato ha raggiunto una prima stabilità dopo gli incrementi di luglio-agosto. Scambi nella media del periodo con domanda presente e offerta adeguata sia in volume che in specifiche “molitorie” della granella mediante “buone” e di interesse (anche economico) per i molini rispetto alle alternative comunitarie ed estere che supportando la tenuta dell’attuale livello di prezzo. Disponibilità ampia per i teneri di forza “tipo Bologna” che si consolidano sui 295 €/t reso; i “bianchi” si mantengono sui 280 €/t con i “misti” stabili attorno ai 265 €/t; comunitari panificabili allineati al nazionale con i grani di forza Ue e gli “spring” a premio.

 

 

Grano duro, prezzi invariati

Italiagrano duro

La situazione di mercato resta ancora incerta con il rallentamento degli scambi sul pronto e gli operatori che guardano al pronto ma anche al secondo semestre di campagna. L’offerta si mantiene presente collocando i volumi conferiti e “prezzati” dai produttori, ma non è ancora chiaro come si muoveranno i detentori nelle prossime settimane, alla luce dei recenti “invariati” e della volontà di spalmare (finanziariamente) gli attuali prezzi anche sul nuovo anno fiscale. La qualità scambiata resta attraente per l’industria molitoria, con qualche interesse anche dagli esportatori per i lotti con caratteristiche superiori. Il tipo Fino reso Nord Italia sui 490 €/t, il Centro origine a 470-480 €/t e il Sud sui 500 €/t. Comunitari ed esteri stabili ma poco offerti.

Mais, aumenta il divario tra generico e con caratteristiche

Italiagrano duro

Si mantiene lo “spread” di prezzo tra il mais generico e quello con caratteristiche, con segnali di ulteriore differenza tra le quotazioni di Milano, in ribasso, e Bologna, invariate. Domanda che resta ben presente e in aumento, anche per il livello dei prezzi attraente per il settore zootecnico, in attesa di un possibile riposizionamento dei mercati con l’arrivo dei raccolti Euroasiatici. Nel Nord-Ovest il mais “con caratteristiche” quota un 265 €/t, mentre nel Nord-Est un 275 €/t; il “generico” si mantiene a sconto di 12-15 €/.


Leguminose e cereali foraggeri, domanda senza acuti

Italiagrano duro

Cereali foraggeri: il consolidamento dei prezzi dei grani include anche orzi e sorgo, con effetto calmierante trasversale dal mais. Domanda senza acuti con gli orzi quotati 235-240 €/t arrivo Nord e il sorgo 250-260 €/t; i teneri tra i 253 €/t di Milano e i 265 €/t di Bologna. Oleaginose: la soia nazionale resta NQ con l’estera sensibile alle notizie dalle Americhe in rialzo di 5-10 €/t su valori di 505-510 €/t reso Nord.

Cereali, “guerra di posizione” tra domanda e offerta - Ultima modifica: 2021-09-17T15:50:23+02:00 da Simone Martarello

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome