Stabilità per grano tenero, duro e mais

dati delle tendenze del mercato dei cereali del 7 novembre 2019
L'analisi di Stefano Serra dei mercati dei cereali nazionali e internazionali. Le quotazioni del 7 novembre di grano tenero, grano duro e mais risultano invariate rispetto alla scorsa settimana

 

dati delle tendenze del mercato del grano tenero 7 novembre 2019

Grano teneroterra e vita

Si stabilizzano i grani di forza e teneri superiori su livello di prezzo simili alla settimana scorsa, più vitali le classi 3 (misti) e 4 (biscottieri) che vedono incrementi per adeguata domanda locale ed effetto domino dalle alternative comunitarie ed estere. Molini che mantengono i livelli di copertura con presenza di rivendite nonostante la buona offerta per ogni classe. Il “tipo Bologna” vale arrivo un 225 €/t, con i panificabili superiori che restano a sconto 15-20 €/t, e i “misti” più richiesti sui 200 €/t. Comunitari in lieve ripresa di 1-2 €/t e Mar Nero sempre tenuto (+1 €/t); gli “spring” nordamericani in lieve flessione (-1 €/t).

 

dati delle tendenze del mercato del grano duro 7 novembre 2019

Grano duroterra e vita

Nuovo tentativo di consolidare le quotazioni sui livelli della scorsa settimana sulle piazze di Foggia e Bologna con Milano che recupera 5 €/t. Lo scenario resta invariato con qualche vendita “tecnica” prima di guardare finanziariamente al 2020. I molini sono all’acquisto per conservare un adeguato livello di copertura a salvaguardia delle percentuali di nazionale nelle semole, ma allargano l’interesse al Comunitario e all’extra Europeo a colmare il deficit in volume fino a nuova campagna. Semine imminenti al Sud dopo l’arrivo delle piogge. Il “Fino Nord” (15% volpati) arrivo Bologna a 265-275 €/t (inv), il “Fino Centro” a 275-280 €/t; il “Fino Sud” su Foggia a 290 €/t. Mercantili a sconto di 10-20 €/t al Nord e di 5 €/t al Sud. Comunitari sempre tenuti con maggiore offerta di estero.

 

dati delle tendenze del mercato del mais 7 novembre 2019

Maisterra e vita

Il divario di prezzo tra mais e cereali a paglia si incrementa ma il fatto, al momento, non fa registrare maggiore interesse dal settore zootecnico che resta con buon livello di scorte e ingenti coperture sul 2020. Scambi a rilento e per limitati volumi che non mutano scenari e prezzi sulle mercuriali. Su Bologna e Milano, pienamente allineate, il mais “con caratteristiche” quota arrivo sui 176-178 €/t, con il “generico” a sconto di un 3 €/t; Comunitari stabili e Ucraino a 178 €/t (-1) arrivo.

 

dati delle tendenze del mercato dei cereali foraggere e oleaginose 7 novembre 2019

Cereali foraggieri e oleaginoseTerra e Vita

Cereali foraggieri: continua il rafforzamento dei teneri al Nord con il “feed” su Bologna (+2) oltre i 200 €/t; effetto domino sul sorgo bianco che vale reso un 180 €/t (+2). Orzi in stallo per ampia disponibilità locale e minore supporto dall’Europa: i “pesanti” arrivo a 172-177 €/t. Oleaginose: la soia nazionale reso Bologna/Milano resta a 345-350 €/t con l’estera a premio di 10-12 €/t.

Stabilità per grano tenero, duro e mais - Ultima modifica: 2019-11-08T16:56:16+00:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome