Suini e avicunicoli ancora avanti, listini frizzanti per i vini bianchi

suini
Il report di Ismea per la settimana 39 del 2020 conferma il rallentamento della corsa al recupero dei caseari, che, nonostante molte settimane di segni positivi restano molto al di sotto dei valori di un anno fa. Stabili i bovini e l'olio

Caseari, si attenua la spinta al rialzo delle scorse settimane

Nell’ultima settimana di settembre si è mitigato l’aumento registrato nelle scorse settimane per le diverse tipologie di burro. Per il mercato delle materie grasse, in questi ultimi sette giorni, si è avuto un solo aggiustamento al rialzo sulla piazza di Modena per lo zangolato di creme fresche, che di fatto equipara i valori alle altre due piazze emiliane (1,07 euro al chilo). Completa stabilità anche per la crema di latte sulla piazza di Milano.

Mercato ancora improntato al consolidamento dei valori per il Grana Padano Dop, per il quale gli scambi si mantengono nella norma con prezzi confermati su tutti i centri di scambio. Più dinamico il mercato del Parmigiano Reggiano Dop che prosegue la spinta inflattiva dei prezzi su tutti i principali mercati, con una buona dinamicità negli scambi. È doveroso segnalare che il livello dei prezzi per tutte le stagionature si colloca ancora molto al di sotto rispetto ai valori registrati nello scorso anno. Prendendo in dettaglio i listini medi nazionali delle varie stagionature raggiunti nel corso della settimana, il Reggiano 12 mesi raggiunge gli 8,42 euro al chilo (-23,8% variazione tendenziale), mentre la varietà 24 mesi quota 10,37 euro al chilo mantenendo anch’esso un differenziale negativo su base annua del -19,5%.

Bovini, listini stabili

La trentanovesima settimana del 2020 mostra, nel comparto bovino, dinamiche di ridotta intensità. L’andamento dei prezzi dei bovini da ristallo, rimane improntato sulla stabilità ad eccezione di alcuni lievi recuperi mostrati sulla piazza di Padova. Alla stessa stregua anche le dinamiche mercuriali dei bovini vivi da macello sono prevalentemente improntate sulla stabilità con alcuni recuperi per la scottona e vitelli. Nello specifico la scottona recupera mediamente lo 0,18% rispetto alla scorsa settimana, mentre i vitelli recuperano su Milano, rispettivamente l'1,37% per le razze da carne e l'1,93% per la categoria razze varie.

Meno incisiva (inferiore al punto percentuale), la variazione congiunturale dei vitelloni. Vacche e manze non presentano variazioni degne di nota. Sul fronte del macellato le carni di vitello evidenziano, come per il vivo, i maggiori recuperi (+1,13% variazione congiunturale) sostenuti dagli incrementi delle piazze di Modena e di Milano. Stabili le carni di bovini adulti e vitelloni.

Avicunicoli in leggero rialzo

Andamento soddisfacente dei mercati avicunicoli, considerando che l’abbassamento delle temperature, che favorisce i consumi di prodotti animali, si è verificato solo di recente. Nel mercato dei polli vivi all’origine, nonostante la domanda risulti ancora piuttosto debole, la ridotta quantità offerta ha determinato una stabilità dei prezzi, con alcuni leggeri adeguamenti al rialzo sulle piazze di Macerata, Perugia, Forlì e in misura maggiore su Cuneo (+1,91%). La variazione media nazionale su base congiunturale è lievemente positiva (+0,64%).

Più moderati i recuperi dei conigli che presentano adeguamenti al rialzo inferiori ai due punti percentuali, solo su Arezzo e Macerata. Avanzano anche i listini di piccioni (+2,42%), faraone (+0,82%) e galline (+2,39%). Per quest’ultime i maggiori incrementi vengono messi a segno dalla piazza di Verona pari al +14,29% per la taglia media e pari al +9,09% per la taglia pesante. Risultano stabili i tacchini e le anatre. Riguardo al mercato all’ingrosso i recuperi più interessanti vengono registrati sulle piazze di Palermo (+4,62% per il pollo e +1,87% per il coniglio) e di Milano con un +2,13% per le carni di coniglio.

I consumi di uova continuano a tirare, con immediati riflessi sulle quotazioni che proseguono negli aumenti per tutte le pezzature sui mercati di Forlì, Treviso, Verona, Padova e Palermo. In tenuta tutte le altre piazze

Suini, prosegue la crescita

Gli indicatori del mercato suinicolo proseguono, anche se in maniera meno incisiva rispetto alle precedenti settimane, la fase inflattiva dei prezzi. Relativamente alla settimana in corso si conferma l’andamento di una domanda stabile sul mercato a fronte di un’offerta limitata, soprattutto per quanto riguarda il settore dei suini da macello. Relativamente ai suinetti si registra la stabilità dei pesi più piccoli, mentre prosegue la fase di recupero delle pezzature intermedie. 

Olio, settimana senza novità

Non ci sono novità rilevanti nella quarta settimana di settembre nel comparto degli olii nazionali. Le quotazioni medie dei prodotti monitorati restano sostanzialmente stabili. Il mese di settembre, però, ha evidenziato nel suo complesso un generalizzato aumento dei listini all’origine degli olii extravergine di oliva, che si è concretizzato in un +7%.

Situazione analoga per il lampante di oliva che, rispetto allo scorso mese, evidenzia un +4% su base mensile. Resta indietro il vergine di oliva che guadagna solo l’1%, proseguendo un’annata non felice.

In coda, sul mercato all’ingrosso, i raffinati di oliva +2% rispetto al mese di agosto, e quelli di sansa +1%. Anche sui principali mercati esteri monitorati si evidenzia un comportamento analogo dei listini.

Vino, salgono i bianchi scendono i rossi

In questa quarta settimana del mese di settembre, andando ad analizzare l’andamento dei listini medi dei vini comuni bianchi si evidenzia una generalizzata crescita rispetto al mese di agosto. In concreto questo aumento è risultato di poco superiore al 2%, portando i listini a 3,66 euro l’ettogrado.

All’opposto, la situazione tra i vini rossi comuni ha evidenziato una flessione del 3%, con listini che raggiungono a stento i 4 euro l’ettogrado.

Su base tendenziale resta, per entrambi i prodotti, una variazione positiva del +13% per il prodotto bianco e del +5% per il rosso.

I prezzi dei prodotti agricoli della settimana 39 - 2020
sono disponibili per tutti i nostri abbonati nell’area riservata

Suini e avicunicoli ancora avanti, listini frizzanti per i vini bianchi - Ultima modifica: 2020-09-29T16:08:58+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome