Brexit no-deal, i produttori chiedono misure d’emergenza per evitare il blocco dell’interscambio agroalimentare

brexit no-deal
Le prospettive di un'uscita della Gran Bretagna dall'Ue senza accordi spaventano l'industria agroaliementare che chiede a Bruxelles misure temporanee per scongiurare il blocco dell'import-export

Gli operatori del settore agroalimentare dell’Ue sono estremamente preoccupati della prospettiva di una Brexit senza accordi e hanno chiesto alla Commissione di prevedere un contingente unilaterale per il settore agroalimentare. Ciò per evitare che possano verificarsi penurie di prodotti alimentari sia nel Regno Unito che negli Stati membri in conseguenza delle immediate difficoltà che si manifesterebbero per la movimentazione delle merci.

FoodDrinkEurope preme per una pianificazione d'emergenza per gestire l'emergenza Brexit no-deal

Secondo FoodDrinkEurope (organizzazione europea dell'industria alimentare e delle bevande), una Brexit no-deal sarà dannosa per grandi, medie piccole e medie imprese, nonché per gli agricoltori, a causa di alti dazi doganali e procedure onerose ai confini. Alla fine saranno i consumatori, soprattutto del Regno Unito a pagare il prezzo più elevato.

LE RICHIESTE DEGLI AGROINDUSTRIALI

L’organizzazione europea dell’industria alimentare ha quindi chiesto alla Commissione di:

  • prevedere procedure agevolate temporanee per i prodotti agroalimentari dell'UE che consentano il transito delle merci in locali autorizzati dell'operatore. Considerando la breve durata di conservazione di prodotti alimentari e bevande, queste misure consentirebbero di preservare la loro qualità e sicurezza evitando inutili congestione al confine. La Commissione dovrebbe inoltre fornire chiarimenti sul concetto di "semplificazione" delle procedure per le merci dell'UE in transito nel Regno Unito tra Stati membri, in termini di documento di trasporto, controlli, certificazione e sigillatura di contenitori ecc .;
  • facilitare una transizione graduale alle modifiche dell'etichettatura, adottando misure temporanee che consentano un periodo transitorio di almeno 18 mesi, in modo che le aziende possano inserirlo nel loro attuale ciclo di aggiornamento dell'etichetta e incorporare tutte le modifiche in una sola volta. Ciò dovrebbe includere anche le disposizioni per garantire la continua accettazione sul mercato dell'UE di prodotti conformi alle esenzioni stabilite nel Regno Unito.
  • chiarire da parte della Commissione l'obbligo giuridico di "istituire a indirizzo commerciale " nell'UE. Gli operatori del settore alimentare del Regno Unito che esportano verso l'UE dovranno sostituire l'indirizzo del Regno Unito con un indirizzo UE e gli operatori del settore alimentare dell'UE che esportano nel Regno Unito avranno bisogno di un indirizzo nel Regno Unito per cui sarebbe utile avere una comprensione comune di ciò che è necessario per soddisfare questo obbligo legale;
  • adottare misure temporanee che consentano alle merci immesse sul mercato dell'UE prima del 30 marzo 2019 di continuare a essere vendute fino all'esaurimento delle merci e promuovere un approccio pragmatico all'applicazione da parte delle autorità di controllo dell'UE per fissare un periodo di moratoria determinato ad esempio in 18-24 mesi. Senza questa assicurazione, vi saranno interruzioni e costi per la catena di approvvigionamento in quanto i prodotti dovranno essere richiamati e / o sovra etichettati.
  • accelerare il processo di riconoscimento degli organismi di certificazione del Regno Unito come organismo di certificazione di un paese terzo per certificare i prodotti biologici destinati all'esportazione nell'UE, in modo che questo avvenga prima del 29 marzo 2019 per continuare l’accesso al mercato. Senza questo, nel caso di un no-deal, il Regno Unito non sarà in grado di esportare prodotti etichettati come biologici nell'UE; questo significa che i produttori alimentari europei non saranno in grado di fare prodotti biologici di origine dal Regno Unito come ingredienti per prodotti o prodotti finiti per il mercato dell'UE;
  • assicurare un adeguato coordinamento e scambio di informazioni su questioni di sicurezza alimentare. Mantenere il pieno accesso per il Regno Unito al RASFF per le allerte alla sicurezza alimentare.

 

 

Brexit no-deal, i produttori chiedono misure d’emergenza per evitare il blocco dell’interscambio agroalimentare - Ultima modifica: 2019-02-28T21:21:59+00:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome