50 milioni all’Irlanda dall’Ue per le carni bovine

carne bovina irlandese
Vitelloni da carne sui verdi pascoli dell'Eire
Primo assaggio dell’effetto della Brexit. L’intervento anti crisi è destinato infatti a un comparto come quello zootecnico irlandese fortemente legato all’export in Gran Bretagna

Il Comitato di gestione carni della Commissione europea ha dato parere favorevole al progetto di regolamento proposto dalla Commissione di sostenere i produttori irlandesi di carne bovina colpiti dall’incertezza del mercato.

Gli Stati membri dell’UE hanno approvato una proposta della Commissione europea per mettere a disposizione degli allevatori irlandesi di bovini da carne 50 milioni di euro, a cui possono essere aggiunti fondi nazionali per raggiungere un massimo di 100 milioni di euro.

L’istituzione del fondo riflette il riconoscimento da parte della Commissione delle particolari sfide con cui il settore irlandese delle carni bovine si sta confrontando a causa dell’incertezza del mercato e di un periodo senza precedenti di prolungati prezzi bassi. Questa misura eccezionale, fornita nell’ambito dell’Organizzazione Comune del Mercato della Politica Agricola Comune (PAC), offrirà sostegno agli agricoltori irlandesi colpiti.

A causa del calo dei prezzi, con una diminuzione dei margini stimata tra l’11 e il 19% nell’ultimo anno, le autorità irlandesi hanno calcolato che gli allevatori di bovini hanno perso poco più di 100 milioni di euro.

Il commento del Commissario Hogan

Phil HOgan

Il Commissario per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale Phil Hogan (irlandese) ha dichiarato: “Questo fondo è un riconoscimento da parte della Commissione europea delle particolari difficoltà incontrate dagli allevatori irlandesi di carne bovina a causa dei cali significativi dei prezzi e dell’incertezza del mercato. Il denaro messo a disposizione dall’UE, che potrebbe essere affiancato da altri fondi del governo irlandese, proteggerà un settore agricolo fragile ma essenziale. Inoltre, fornirà un sostegno diretto agli allevatori duramente colpiti e garantirà la redditività a lungo termine del settore delle carni bovine irlandese. La Commissione continuerà a monitorare da vicino la situazione generale del mercato.”

Una volta formalmente adottato dalla Commissione all’inizio del prossimo mese di luglio 2019, le autorità irlandesi avranno tempo fino alla fine di luglio per definire i criteri nell’ambito di un quadro definito per la concessione degli aiuti. E’ fondamentale evitare la distorsione della concorrenza durante la distribuzione degli aiuti. Uno degli obiettivi principali dovrebbe essere quello di garantire la redditività a lungo termine del settore delle carni bovine attraverso, ad esempio, lo sviluppo di nuovi mercati, l’attuazione di sistemi di qualità o il miglioramento della sostenibilità ambientale degli allevamenti.

Il mercato irlandese delle carni bovine

Il settore irlandese delle carni bovine è molto grande ma dipendente fortemente dalle esportazioni. Cinque su sei tonnellate di carni bovine prodotte vengono esportate e quasi il 50% di queste esportazioni sono nel Regno Unito. L’incertezza sul ritiro del Regno Unito sta esercitando una pressione al ribasso sui prezzi, aggravando ulteriormente la situazione dei produttori di carne bovina in Irlanda.

50 milioni all’Irlanda dall’Ue per le carni bovine - Ultima modifica: 2019-06-24T14:26:37+00:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome